Attualità

Gran finale della festa dedicata a San Tommaso Becket

Lunedì il momento clou dei festeggiamenti patronali: cortei, sbandieratori e fuochi d'artificio


E' il giorno della festa liturgica. A Mottola l'ultimo atto dei festeggiamenti patronali in onore di San Tommaso Becket: lunedì 29 dicembre la cittadina sarà location per nobili e cavalieri, artisti di strada e sbandieratori, che daranno vita ad un vero e proprio spettacolo di piazza per il momento clou delle celebrazioni.

Si comincia già al mattino: alle 11.30 in piazza XX settembre arrivano giullari, mangiatori di fuoco, giocolieri dell’”Ente culturale Puglia” e gli sbandieratori del “Rione Castello di Carovigno”.

Nel pomeriggio, alle 17, nella villa comunale l’attesissima sfilata storica con nobili e cavalieri. E poi giochi di bandiera e lo spettacolo del gruppo “ntartien” (artisti di strada) con il fuoco.

Alle 17.30, sempre in piazza, la cerimonia di consegna delle chiavi, presieduta dal sindaco Luigi Pinto e dal Vescovo Mons. Claudio Maniago, accompagnata dal suono delle chiarine dalla loggia del balcone del municipio. A seguire, fuochi d’artificio e la processione con la statua del Santo Patrono portata a spalla dalle cinque confraternite.

Alle 18.30, nella Chiesa Madre, la Messa officiata dal Vescovo. Nel corso delle celebrazioni, non mancheranno le sorprese: il sindaco andrà incontro ai prelati, invitandoli ad entrare nel palazzo municipale. Alla chiusura del portone, i soldati porgeranno gli onori all'immagine del Santo, poi si spegneranno le luci e partirà la musica. La statua avanzerà lentamente tra le fiaccole accese, sino ad arrivare al portone, che sarà aperto con un tronco d'albero dai cavalieri. All'entrata, una voce narrante racconterà la vita del Santo Inglese e il suo legame con la città di Mottola.

A fare da cornice ai festeggiamenti religiosi, i presepi nel centro storico (con un vero e proprio itinerario accompagnato da indicazioni sul percorso), gli stand dei Mercati di Campagna Amica con un tripudio di colori e sapori, i menu pensati su misura dagli esperti ristoratori dell’associazione “Mottola Città del Gusto”.

Continuano anche le visite guidate nel borgo medioevale Schiavonia e nelle chiese rupestri. Infine, è l'ultimo giorno per visitare le due mostre filateliche nella sala convegni di via Vanvitelli: la prima, con cartoline raffiguranti la storia di San Tommaso Becket e della città a cura dei soci del circolo Antonio Carriero e Pietro Caragnano, la seconda riguarda la collezione filatelica di Rossella Fico “Due Santi inglesi al servizio della Chiesa, S. Tommaso Becket e S. Tommaso Moro”, premiata con il lingotto d’argento al concorso per filatelia religiosa “Le vie del Signore”, tenutosi a Grottaferrata nel 2002.

In occasione dell'annullo filatelico del 29 dicembre, poi, sarà attivo un ufficio postale temporaneo per apporre uno speciale annullo, creato dal signor Pietro Silvestri, su due cartoline a colori realizzate per la manifestazione.

Info evento: 099.8867640, www.facebook.com/IatMottola, info@mottolaturismo.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche