Gli Artigiani dell’Arsenale | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Dicembre 2021 alle 22:53:00

Attualità

Gli Artigiani dell’Arsenale

Venerdì 4 novembre porte aperte per un tuffo nella storia


È un vero e proprio tuffo nella storia quello che viene offerto ai visitatori della Mostra Storica Artigiana allestita all’Arsenale Militare.

Un allestimento sconosciuto ai più, nonostante la mostra sia stata inaugurata addirittura nel giugno del 1979 e nonostante sia visitabile gratuitamente tutti i giorni. Adesso, però, complice il resuscitato entusiasmo per la storia e la cultura della città è auspicabile che siano tanti i tarantini e non che andranno a riscoprire un pezzo straordinario della storia industriale che da fine ‘800 ad oggi a si è sviluppata tra i Due Mari. Per oggi, venerdì 4 novembre, è prevista un’apertura speciale in occasione della Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate: si potrà visitare la mostra dalle 9 alle 12 senza alcun bisogno di prenotazione, con ingresso dalla porta principale dell’Arsenale.

Tutti gli altri giorni, invece, la mostra è aperta dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12, previa prenotazione con due giorni d’anticipo (tel. 0997752823).

Ma cosa c’è, in particolare, da vedere? Innanzitutto l’edificio stesso che ospita la mostra. Fa parte del primo gruppo di costruzioni dell’Arsenale, uno di quelli già esistenti al momento dell’inaugurazione, nel 1889. All’ingresso c’è una grande polena in gesso, raffigurante la dea bendata, che apparteneva ad un galeone costruito in arsenale ed esposto nel Giardini Peripato in occasione dell’ultima edizione della Fiera del Mare (1949). Sotto la polena c’è invece un plastico nel quale è ricostruita la Taranto del 1882, quindi la città com’era prima della costruzione dell’Arsenale. Una città che muterà profondamente la sua fisionomia proprio con la costruzione dell’Arsenale. Tra i cimeli in mostra spicca il timone della nave “Cristoforo Colombo” e il suo “specchio di poppa” in legno intagliato, oltre a vari modelli in scala di galeoni e navi da guerra. Della Nave Puglia, la prima costruita in Arsenale, sono esposti alcuni del disegni originali e foto dell’impostazione e del varo, avvenuto nel 1898.

L’Arsenale è stato anche la fucina di talenti artistici e tecnici: in mostra ci sono i busti in gesso e in bronzo raffiguranti il Duca degli Abruzzi, l’ammiraglio Brin, l’ammiraglio Acton e il generale Vallone, oltre alle riproduzioni di alcuni cannoni del ‘700. La Mostra Storica è un omaggio ai tanti validi artigiani che hanno prestato la loro opera e il proprio ingegno nello Stabilimento della Marina Militare. La sezione riguardante i macchinari annovera infatti invenzioni e brevetti che evidenziano la genialità, le competenze e l’intuito delle vecchie e indimenticate “maestranze”, i cui nomi hanno fatto la storia dell’Arsenale. Una serie di foto percorrono gli anni della “Scuola Allievi Operai”, un grande vivaio che ha preparato le maestranze sino agli inizi degli anni ‘80.

Adiacente alla mostra, e comunicante con essa, si estende l’immensa Sala a Tracciare che ha rappresentato per lunghi anni il cuore della costruzione navale. Si può ammirare ciò che resta del vecchio pavimento in legno impostato su archi in muratura che permettevano il passaggio dell’aria al di sotto del piano calpestabile. All’interno della Sala a Tracciare, infine, sono esposte le antiche macchine da lavoro ed una collezione di armi da guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche