23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 15:34:41

Attualità

Quattro scuolabus per i bimbi del quartiere Paolo VI

Intanto alla scuola Falcone è stato attivato il servizio mensa


Arrivano i bus per gli alunni e a scuola adesso c’è anche la mensa.

Grandi novità per il quartiere Paolo VI che quest’anno vive il suo 50esimo compleanno. Da quartiere nato completamente privo di servizi, nel 1966, ad oggi di passi in avanti ne sono stati fatti tanti. Gli ultimi, proprio in tema di servizi, sono di queste settimane. Dal 21 novembre, infatti, è attivo il servizio scuolabus, riservato ai bambini del quartiere che hanno l’esigenza di essere prelavti da casa e accompagnati a scuola. Il servizio è inizialmente stato attivato con tre autobus riservati a tutte le famiglie che abitano ad almeno un chilometroi di distanza dal plesso scolastico di riferimento. Il grande successo dell’iniziatiova e le numerose domande che erano rimaste inevase hanno però indotto l’amministrazione comunale ad ampliare l’offerta con un quarto bus, in modo da estendere il servizio di trasporto scolastico a tutti gli scolari, anche quelli residenti al di sotto del chilometro di distanza dalla propria scuola.

«Abbiamo constatato – spiega Maria Dentice, promotrice della petizione che lo scorso anno fu consegnata al sindaco per chiedere l’attivazione del servizio – che tante famiglie del quartiere avevano bisogno di questo servizio, anche abitando non particolarmente lontano dalla scuola. E allora abbiamo sensibilizzato l’amministrazione comunale che ha raccolto il nostro appello. Finalmente il quartiere è ora dotato di questo importantissimo servizio che tocca tutte le nostre scuole, dall’infanzia alla media. Quando ho avviato la petizione, molti erano scettici. Ha vinto la determinazione di chi, come me, ci ha creduto».

E non è finita. Perché da alcuni giorni è entrata in funzione anche la mensa alla scuola Falcone, al primo comprensorio. Anche in questo caso, si tratta di un servizio particolarmente richiesto dalle famiglie. «Questo risultato – spiega ancora Maria Dentice – lo dobbiamo alla dirigente dell’Istituto Comprensivo Pirandello, dal quale dipende la Falcone». E la sala mensa è davvero bella e accogliente. «Ora speriamo che questi servizi rimangano a lungo a disposizione dei cittadini del quartiere, senza dover essere costretti a fare altre petizioni. Intanto vada il nostro ringraziamento all’amministrazione comunale che non è rimasta sorda alle nostre richieste». «Ora – conclude Maria Dentice – abbiamo un altro risultato da conseguire: la sistemazione della Pirandello».

E già, perché la scuola storica del quartiere ha davvero bisogno di interventi di manutenzione. La scuola, soprattutto in una periferia complessa e problematica, è un presidio di crescita civile. Investire nella scuola è fondamentale per una città che vuole costruire il proprio futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche