21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

Attualità

Un’App per seguire i Misteri

La presentazione dell’iniziativa dell’arciconfraternita del Carmine


Il ricco calendario di eventi programmato dall’Arciconfraternita del Carmine, nel periodo Quaresimale che culmina con la Settimana Santa, è stato presentato ieri mattina dal priore Antonello Papalia, insieme a componenti del Consiglio d’amministrazione, al Padre spirituale del pio sodalizio mons. Marco Gerardo.

Quest’anno con una novità tecnologica che consentirà di seguire i tradizionali Riti con una serie di informazioni in più (sulla storia della Processione dei Misteri, sui vari simboli, sul percorso del corteo e la sua posizione, gli eventi proposti dall’arciconfraternita ecc.), ma anche e soprattutto con un invito al raccoglimento e alla preghiera. Si tratta di un’app, scaricabile gratuitamente su smartphone con tecnologia Android o Apple, che l’arciconfraternita ha commissionato alla Play Smart, una società di professionisti che l’ha denominata “Decor Carmeli Taranto”.

Offre svariate funzioni, oltre a quelle già citate, per rendere più fruibile il Rito processionale, con una maggiore consapevolezza di ciò a cui si sta partecipando, sotto il profilo culturale, ma evidenziandone in primis l’aspetto religioso. “La nostra Arciconfraternita – ha spiegato a tale proposito il priore Papalia – da anni si batte per garantire la massima compostezza della Processione del Venerdì Santo. Talvolta, però, alcuni comportamenti censurabili provenienti dall’esterno rischiano di turbare questo momento di fede e preghiera. La notte tra il Venerdì e il Sabato Santo non può e non deve trasformarsi in una “notte bianca” ed è per questo che invitiamo tutti coloro che assistono alla Processione (e in generale la città) a rispettarla e a mostrare lo stesso rispetto nei confronti di chi intende seguire questo evento di grande suggestione con il dovuto raccoglimento”.

Non a caso Papalia ha voluto citare un passo tratto dall’antico Manifesto delle regole, con cui lo stesso Priore impartisce le disposizioni per la processione dei Sacri Misteri, ovvero: “Sicuro che il Pellegrinaggio agli altari della Reposizione e la nostra amata Processione degli Augusti Misteri edificano massimamente i confratelli partecipanti e tutto il popolo di Dio, in corale unione di devozione e di preghiera”.

Nel corso della presentazione, che si è svolta nel salone delle Troccole di via Giovinazzi, si è parlato anche del materiale grafico predisposto per il 2017, con la presenza di un segno che il Consiglio d’amministrazione, in carica da cinque anni, ha voluto non mancasse mai nei manifesti della Settimana Santa, ovvero la Croce. Una scelta ben precisa che individua nel simbolo principe della cristianità l’elemento che collega ogni rappresentazione grafica delle diverse iniziative. L’innovazione, dunque, al servizio della tradizione, con una frase (più che uno slogan) capace di condensare il senso di questo cammino di Fede che sa adeguarsi ai tempi, senza rinunciare a nulla della propria storia. E a proposito delle tante iniziative programmate, riportate sia sui manifesti che su brochure, ne spiccano alcune. Dalla Via Crucis per i detenuti nella Casa circondariale il 24 marzo, alla Liturgia stazionale di venerdì 31 a Martina Franca, dall’esposizone solenne del simulacro della Vergine Addolorata ai piedi del Crocifisso al concerto della Settimana Santa, in programma martedì 4 aprile nella chiesa del Carmine.

Sino a giungere al giovedì Santo con l’uscita delle poste del Pellegrinaggio nelle varie chiese della città vecchia e di quella nuova, e all’attesa processione dei Misteri che avrà inizio, come sempre, alle ore 17 di venerdi Santo con rientro previsto la mattina del sabato Santo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche