12 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 06:57:48

Attualità

Bilancio, arriva la diffida

Il prefetto dà i “venti giorni” a sindaco e consiglieri


TARANTO – La diffida è arrivata. E ora sul Comune si allunga l’ombra del commissario.
Il prefetto Donato Cafagna il 12 aprile ha inviato una nota al presidente del consiglio comunale, al segretario generale e al sindaco per segnalare che «lo scorso 31 marzo è scaduto il termine (…) per l’approvazione del bilancio di previsione relativo al triennio 2017-2019».
«Poiché a tutt’oggi – scrive il prefetto – non risulta pervenuta notizia del perfezionamento dell’adempimento (…) si invita la S. V. a comunicare l’avvenuta adozione del bilancio di previsione da effettuarsi entro venti giorni dalla data di ricezione della presente, con esplicita avvertenza che, in caso di omissione dell’adempimento, si procederà in via sostitutiva». Parole che lasciano intendere che, se il consiglio comunale non dovesse approvare il bilancio nei termini indicati dal prefetto, si provvederebbe con l’invio di un commissario ad acta chiamato proprio ad approvare l’atto fondamentale dell’ente.
In queste settimane non erano mancate le polemiche sulla mancata elaborazione del bilancio, con i dipendenti che avevano chiamato in causa sindaco e dirigenti.
Lo schema di bilancio, a quanto pare, è arrivato in giunta. Ora si attende la convocazione del consiglio comunale. Corsa contro il tempo, quindi, e e la campagna elettorale di certo non aiuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche