Attualità

Gli studenti del Liceo giurati in Francia

Aristosseno: al concorso le classi quarte dell’indirizzo Internazionale


TARANTO – Il Liceo “Aristosseno”, con a capo il dirigente scolastico prof. Salvatore Marzo, ha aderito anche quest’anno al concorso “Prix Goncourt: le choix de l’Italie”, con le classi quarte dell’indirizzo Internazionale, Linguistico e Scientifico ESABAC.
Gli alunni, Gabriele Lococciolo (4°A), Arianna Sossi (4°B), Francesca Scatigna (4°C), Elisa Perrini (4°D), Sara Delli Noci (5°G), vi hanno partecipato come componenti della giuria dei liceali italiani, sotto la guida dei docenti di francese della classe, Maria Parente, Severine Mafrica (4°A), Anna Maria Scuro, Martine Majchrzak (4°B), Sergio Mulas, Sabine Scheck (4°C), M. Consiglia Mazzaracchio, Esther Uguen (4°D), Sergio Mulas, Fabienne Ambrosio (4°G).
Gli alunni si sono cimentati nella lettura e analisi di tre libri, assegnati in maniera casuale dalla lista dei nove libri, redatta dall’Académie Française e ne hanno fatto la recensione attribuendo anche una votazione per la storia e i personaggi, lo stile e la creatività, il piacere della lettura e l’arricchimento personale. Nella giornata del 31 marzo 2017, i cinque alunni, accompagnati dalle docenti Mazzaracchio e Parente, si sono recati all’Institut Français – Centre Saint-Louis di Roma in occasione della cerimonia di premiazione dell’autore vincitore.
Al loro arrivo, i giovani provenienti da tutta l’Italia e i loro accompagnatori sono stati accolti dal discorso di benvenuto tenuto da Frédéric Sauvage, membro dell’ambasciata francese in Italia, che ha inoltre annunciato i quattro titoli e i rispettivi autori dei libri candidati alla vittoria del premio; si è proceduto anche alla scelta del presidente di giuria, tirato a sorte fra i differenti giurati partecipanti, ed è stato proprio Gabriele Lococciolo, studente del nostro liceo, ad essere estratto. Bisogna riconoscere che ha svolto brillantemente il compito affidatogli dal primo all’ultimo momento.
La mattina, i giovani sono stati divisi e hanno avuto luogo due tavole rotonde presiedute rispettivamente da Marie Dabadie, segretaria dell’accademia Goncourt e da Didier Decoin, membro della stessa; in questa sede, i liceali e gli esperti hanno avuto modo di confrontarsi e dare adito ad un dibattito relativo ai percorsi di scrittura e lettura in generale e ai romanzi da loro letti in particolare. In un secondo momento, i giovani e gli esperti si sono riuniti nell’auditorium principale del centro dove, il presidente di giuria e un’altra giovane giurata, hanno redatto i punti focali del confronto. E’ stato proclamato quindi il vincitore, M. Metin Arditi autore del romanzo “L’enfant qui mesurait le monde”, e tutti i giovani hanno apposto la loro firma sulla pergamena da consegnargli, con la motivazione della scelta operata dai giovani giurati.
Dopo la pausa pranzo, ritrovatisi ancora una volta presso l’auditorium del medesimo centro, il presidente di giuria ha invitato sul palco M. Metin Arditi, il quale, affiancato da Marie Dabadie, Didier Decoin, Stefano Patrocchi , direttore della fondazione Bellonci e Rossana Campo, vincitrice del “premio Strega Giovani 2016”, ha chiarito in modo esauriente alcune perplessità riscontrate dai lettori.
Al termine della cerimonia, dopo i dovuti ringraziamenti al presidente e alla giuria dei liceali, questi ultimi sono stati congedati e hanno ricevuto l’attestato di partecipazione della giornata.
Il Premio Gncourt, ha dichiarato il preside Salvatore Marzo, è una preziosa occasione per il Liceo Aristosseno e per tutta la Scuola Jonica di interlocuzione scolastica e formativa con lo scenario francese, europeo ed internazionale. A tale proposito, abbiamo appreso con piacere che anche la Cina parteciperà ai percorsi culturali del Premio Goncourt.

Elisa Perrini con la collaborazione di Gabriele Lococciolo, Arianna Sossi, Francesca Scatigna e Sara Delli Noci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche