11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 10 Maggio 2021 alle 15:20:57

Attualità

Skatti e parrucche: donne che combattono il cancro

La malattia non si affronta solo con i farmaci


«Tu mi attacchi e
io rispondo».

La sfida di Claudia Panessa è
cominciata così.
Davanti a lei, brillante venticinquenne
prossima alla
laurea in ingegneria, si era
parato «il sospetto di una
seconda recidiva».
«Allora – confida a TarantoBuonasera
– ho pensato: non
posso combattere l’aspetto
clinico, ma posso affrontare il
problema sotto altri aspetti.
Così ho cominciato a conoscere altri pazienti, altre situazioni.
Abbiamo deciso di fare
gruppo e aiutarci a vicenda».

Claudia è la presidente di
“Punto d’inizio”, la onlus
che si offre di organizzare
momenti per rendere diversamente
felici le persone malate
di cancro: escursioni nella
natura, yoga, canoa. Tutte
attività gratuite. Così è nata
la rete con altre associazioni.
Una su tutte: la Casa delle
Donne, della presidente Annalisa
Cangiulli, che ha avuto l’idea di realizzare un calendario
con i ritratti fotografici
delle pazienti oncologiche,
colte nei loro momenti di
ammirevole vitalità.
Bando alla rassegnazione,
dunque, e via con lo sfoggio
di tutta l’energia che queste
donne coraggiose riescono ad
esprimere. Ecco allora “Skatti
di vita”: l’incontro tra le
donne malate di cancro e le
fotografe del circolo fotografico
“Il Castello”.

Il calendario è andato a ruba e ora si è passati ad una
ulteriore fase dell’iniziativa:
utilizzare il ricavato per offrire
gratuitamente parrucche
nuovissime di fabbrica alle
donne alle quali le terapie
hanno scalfito la bellezza
estetica.
Va ribadito che le parrucche
sono nuove, non sono usate
e per averle gratuitamente è
sufficiente contattare l’associazione
Punto di inizio.
Sì. il cancro si affronta anche
così.

Come averle:
Cosa fare per
ricevere la parrucca:
inoltrare una richiesta
all’associazione “Punto
di Inizio, vivere oltre il
tumore”, a mezzo mail a:
puntodiinizioonlus@
gmail.com; indicando:
nome, cognome, luogo di
residenza, codice fiscale
e numero di telefono.
La richiesta deve essere
corredata da:
1) certificazione medica
della patologia (Documento
di invalidità Asl
o Inps);
2)modello ISEE del nucleo
famigliare di riferimento,
attestante
un reddito complessivo
e non superiore a €
25.000,00 annui.
Se si dovesse risultare
idonei: L’associazione
“Punto di Inizio”,
esaminata la richiesta,
verificati i requisiti di
idoneità, provvederà
a contattare la richiedente
e concorderà un
incontro presso la propria
sede, durante il quale
sarà consegnato un
buono per il ritiro della
parrucca dalla clinica
convenzionata.
Per ulteriori informazioni
contattare il recapito
telefonico 3921142383.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche