20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 08:05:06

Attualità

Gran festa del Baglio ricordando S. Egidio. Il programma

Dal 30 maggio al 4 giugno in Città Vecchia


“Gran festa del
Baglio” in Città vecchia ricordando
Sant’Egidio.

Dal 30 maggio al 4 giugno,
animazione in Città vecchia
per la prima Gran festa del
Baglio, dal nome di uno dei
quattro pittaggi, o rioni, in
cui era suddivisa l’Isola. Il
programma è stato presentato
ieri all’istituto musicale Paisiello
dall’apposito comitato,
presieduto da fra Francesco
Zecca (frate minore alla San
Pasquale) e rappresentato da
Francesco Simonetti (presidente
de ‘Il Palio di Taranto’),
Nicola Fortunato (docente
universitario in rappresentanza
del Polo universitario ionico)
e Nicola Fico (direttore dell’istituto
musicale ‘Paisiello’),
cui si affiancano il Comune e
l’associazione ‘Smile’ di Manuel
Manfuso.
Le iniziative sono state organizzate
in coincidenza della
festa di Sant’Egidio, compatrono
di Taranto, nella ricorrenza
della canonizzazione
(2 giugno 1996).

Va ricordato
che proprio nel territorio del
Baglio, al pendio La Riccia, si
trova la casa natale del santo
tarantino.
Le celebrazioni religiose avranno
luogo in cattedrale, dove
frate Egidio ricevette il battesimo:
martedì 30 alle ore 19.30
“Con sant’Egidio alla Madonna
del popolo”, momento di preghiera
mariano con tutte le
confraternite cittadine; mercoledì
31 alle ore 18.30, “Con
sant’Egidio preghiamo per la
città”, celebrazione con gli artigiani
e i pescatori.

Venerdì 2
giugno, alle ore 18.30, sempre
dalla cattedrale, processione
con il simulacro del santo che
percorrerà via Duomo fino alla
piazzetta sant’Egidio dove
alle ore 19 fra Paolo Quaranta,
vicario provinciale dei frati
minori, presiederà la celebrazione
eucaristica; per tutta la
giornata in piazzetta saranno
esposti i lavori degli studenti
che hanno partecipato al concorso
“Chi accoglie uno solo di
questi bambini accoglie me”
organizzato dalla confraternita
di Sant’Egidio.
Questi gli altri eventi.

Giovedì
1 giugno, alle ore 19.30 convegno
su “Paisiello e Taranto”
all’Università degli Studi (via
Duomo) con le relazioni di
Pierfranco Moliterni (critico
musicale) e Riccardo Pagano
(delegato del rettore al Polo
jonico universitario) e gli
intermezzi di musiche paisiellane
eseguite dagli studenti
dell’istituto musicale; a seguire,
alle ore 21, il concerto
del “Paisiello Dixie Jazz Band”;
dalle ore 20.30 “Smile festival”,
che partendo da Piazzetta
Sant’Egidio con un’esibizione
a sorpresa non svelata, si
distribuirà poi su Via Duomo,
con tante piccole postazioni di
artisti a cura dell’Associazione
Smile, da Creativi, Pittori, Caricaturisti
e Ritrattisti (dalle
17), alla Musica di Strada con
oggetti riciclati, percussioni,
handpan, flamenco, Giocolieri,
Bolle Giganti, Ballon Art e
tanto altro ; lungo il percorso,
mostra fotografica “Taranto
e il Borgo Antico” a cura
di Massimo Carbone e Maria
Mancone.

Venerdì 2 giugno,
alle ore 9.30, appuntamento
nella chiesa di san Pasquale
per la “Passeggiata in arte: La
scuola pittorica napoletana
a Taranto” con il prof. Nico
Fasano; alle ore 18 seconda
tornata del Palio di Taranto,
gara d’imbarcazioni a due remi
in rappresentanza dei quartieri
cittadini con premiazione alle
ore 20 in piazzetta Sant’Egidio,
dove alle ore 20.30 si terrà
“Egidio: il santo di tutti!”,
parole e musica con Francesco
Nacca, Mariangela Lincesso, Simona
Cucci e Michele Santoro;
sempre in piazzetta, degustazione
de “I sapori tarantini”.
Sabato 3, visite guidate agli
ipogei del pittaggio Baglio
(appuntamento alle ore 17.30
all’istituto musicale Paisiello).

Domenica 4, dalle ore 9 alle
22, grazie alla collaborazione
di Nicola Giudetti, “I mestieri
di una volta”, con postazioni
in piazzetta Sant’Egidio e via
Duomo; dalle ore 10.30, secondo
appuntamento con “Chitarre
nei vicoli”, con i bambini della
città vecchia che potranno
avvicinarsi al magico mondo di
questo strumento con lezioni
gratuite dei docenti dell’Ateneo
della chitarra; previsto
anche un concerto dei piccoli
allievi dell’Ateneo. Gran finale
alle ore 20.30 in piazzetta
Sant’Egidio con “Baglio music
contest”, esibizione di quattro
giovani gruppi musicali con
premiazione dopo verdetto
della giuria.

Fra Francesco Zecca ha accolto
l’auspicio che «via Duomo, grazie
alla presenza dell’università
e dell’istituto musicale, possa
diventare la via della cultura,
ringraziando infine gli esercenti
della Città vecchia per il
sostegno alla manifestazione
e il priore della confraternita
di Sant’Egidio, Pino Lippo, per
l’apertura alle visite della casa
natale del santo al pendio La
Riccia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche