Attualità

Mattarella alla Pirandello, cresce l’attesa a Paolo VI

Il Presidente della Repubblica inaugurerà il nuovo anno scolastico


Cresce l’attesa all’I.C.
“L.Pirandello” per l’approssimarsi del
18 Settembre, una giornata che si
preannuncia storica per la scuola, il
quartiere Paolo VI, la città di Taranto.

La scuola Pirandello avrà il privilegio
di ospitare il Presidente della Repubblica
Italiana Sergio Mattarella per
l’inaugurazione dell’anno scolastico
2017/2018. Per questo l’Istituto comprensivo
della zona nord di Taranto in
questa calda estate è ‘aperta’. Sono
infatti oltre settanta alunne e alunni
frequentanti la Scuola dell’Infanzia F.
Morvillo, la Scuola Primaria G. Falcone
e le Scuole Secondarie di primo grado
G. Ungaretti e L. Pirandello, che hanno
aderito al progetto estivo “Tanto per…
ri-cominciare”. Il progetto promuove
e sperimenta l’apertura estiva della
Scuola proponendo ai ragazzi attività
ludico-educative.

Nello specifico si
mira alla scoperta dei tesori naturali e
all’interiorizzazione di comportamenti
finalizzati al rispetto e alla tutela
dell’ambiente. È un progetto che si
ricollega alle linee di indirizzo del P.O.F.
(Piano dell’Offerta Formativa scolastico)
ma anche ai progetti ‘Terre Elette’
e ‘Gens 3’ di altrettante reti sociali di
questo Quartiere, a cui gli alunni hanno
partecipato durante l’anno scolastico,
attraverso laboratori avviati dalle associazioni
del terzo settore.
Niente libri e quaderni ovviamente,
ma conversazioni, visione di video attinenti
e soprattutto canto e danza.In
questo sono sostenuti e guidati da un
gruppo di docenti, dalla maestra Adele
Lupo e dal coreografo Vincenzo D’Alconzo
che volontariamente hanno offerto il
loro contributo. Insieme realizzeranno
un canto corale e una coreografia che
andranno in scena il 18 Settembre sul
grande palco della ‘festa delle scuole
italiane’ a Taranto.

All’importante appuntamento, che sarà
ripreso da tutti i media nazionali, oltre
alle istituzioni, parteciperanno anche
esponenti di spicco del mondo dello
spettacolo e della cultura – volti noti
delle tv nazionali – oltre a delegazioni
di studenti e docenti da tutta Italia.
Dice la dirigente scolastica della Pirandello,
Antonella Caforio: «Siamo
onorati di accogliere il Capo dello Stato
e le massime autorità e che l’I.C. Pirandello
sia stato individuato, per il lavoro
svolto e le azioni educative realizzate,
per rappresentare tutte le scuole d’Italia.
Siamo emozionate e c’è fermento
tra alunne e alunni delle nostre classi,
che stanno dimostrando un forte impegno,
volontà e bravura. I nostri plessi
aperti e pullulanti con questo gran
caldo, e chi l’avrebbe detto! Crediamo
davvero che la scuola, soprattutto se
operante in periferia, debba vivere ed
essere vissuta come spazio di crescita
personale e interpersonale. Per questo
ci impegneremo ad offrire diverse e
valide opportunità a ragazze e ragazzi
non solo durante l’anno scolastico o in
orario curricolare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche