Attualità

Furti e raid vandalici: due milioni di danni

I campi di via Alto Adige


Ripetuti furti e raid vandalici hanno ridotto le strutture e gli impianti che compongono il centro sportivo Magna Grecia in autentici ruderi.
Sono trascorsi oltre tre anni da quando l’Amministrazione comunale decise di indire una gara per l’affidamento in gestione per 15 anni dell’immobile compreso tra viale Magna Grecia e via Alto Adige.
La procedura si è poi conclusa con l’aggiudicazione della struttura alla Società Sportiva Dilettantistica Magna Grecia.
«Essendo trascorso un notevole lasso di tempo fra l’avvio ed il termine della procedura – si legge in una recente relazione del dirigente comunale del Patrimonio – l’immobile è stato oggetto di atti vandalici tali da richiedere l’effettuazione di un sopralluogo avvenuto il 17 novembre del 2016 con la partecipazione dei dirigenti comunali e tecnici delle direzioni Patrimonio, Lavori Pubblici e Sport, del tecnico della società Infrataras e dell’amministratore responsabile della Ssd Magna Grecia e di tecnici designati da quest’ultima».
Al fine di stabilire la consistenza degli interventi da eseguire è stato conferito incarico alla società Infrataras di predisporre una perizia. Secondo quanto rilevato dai tecnici i danni ammonterebbero a 1.974.089 euro. «Tali provvedimenti – aggiungono dal Comune – vanno considerati risolutivi dell’intera problematica».
La società che si è aggiudicata l’appalto per la gestione del centro sportivo ha quindi presentato il nuovo piano economico – finanziario ed il relativo cronoprogramma che nelle scorse settimane è stato acquisito dalla direzione Patrimonio. «Il prospetto rappresenta l’andamento economico-finanziario della gestione lungo i 15 anni di durata previsti nell’offerta, simulando lo sviluppo di tutti gli elementi indicati nel nostro programma gestionale – si legge nel “pef” della società sportiva dilettantistica Magna Grecia – tenendo conto delle variazioni di investimento per i danni provocati da atti vandalici, come da perizia tecnica redatta dalla Società Infrataras».
La società non dovrà più corrispondere un fitto all’amministrazione comunale per i 15 anni di gestione. «Nel nuovo piano economico finanziario – si legge in premessa – la voce “Fitto Amministrazione Comunale”, prevista nel precedente, è stata azzerata perchè oggetto di compensazione con i maggiori investimenti necessari a causa dei danni provocati da atti vandalici, nei termini concordati con l’Amministrazione comunale».
Per far fronte al “nuovo investimento” di quasi 2 milioni di euro la società prevede «l’accensione di un mutuo con rimborso a 15 anni, presso un istituto di credito, con garanzie».
In pratica a ripagare i danni provocati da ladri e vandali sarà la società aggiudicataria dell’appalto che, in compenso, non pagherà il fitto all’Amministrazione comunale per i 15 anni di gestione. In ogni caso, il nuovo piano economico finanziario «prevede, al netto degli ammortamenti annuali una perdita di 151 mila euro che la Magna Grecia Ssd cercherà di compensare nei ribassi delle procedure di gara per l’individuazione degli esecutori dei lavori che andrà ad espletare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche