Attualità

Una giornata contro l’obesità

Visite e consulenze gratuite. Mercoledì l’iniziativa dell’Asl di Taranto


Una giornata contro l’obesità. Mercoledì 10 ottobre
ritorna l’Obesity Day, la giornata nazionale di sensibilizzazione
per la prevenzione dell’obesità e del sovrappeso promossa dal 2001
dall’Adi – Associazione italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, per
tramite della sua Fondazione.
Più di 500 specialisti fra dietologi, nutrizionisti e dietisti saranno a
disposizione nei 120 centri di dietetica presenti su tutto il territorio
italiano per colloqui gratuiti di informazione, consulenze nutrizionali
e valutazioni del grado di sovrappeso; 20 gli eventi pubblici di
sensibilizzazione in programma nelle piazze, nelle scuole e nei centri
di aggregazione delle principali città italiane.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’obesità ha raggiunto
un aspetto epidemico, con circa 3 milioni di persone che ogni
anno muoiono nel mondo come effetto di sovrappeso od obesità, 60
mila in Italia. Un fenomeno più che raddoppiato dal 1980. I soggetti
obesi sono infatti a maggior rischio per lo sviluppo di svariati disturbi
che comprendono malattie metaboliche, cardiovascolari, respiratorie,
problemi a carico delle articolazioni, disturbi ginecologici, infertilità,
disturbi della sfera sessuale, predisposizione allo sviluppo di malattie
dell’apparato digerente
e dell’umore. Infine va
ricordato che la presenza
di obesità aumenta il rischio
di sviluppo di alcuni
tumori quali ad esempio
il tumore endometriale,
colorettale, della colecisti
e della mammella.

Anche quest’anno la Struttura
Semplice Dipartimentale
di Endocrinologia
della Asl di Taranto, diretta
dal dr. Magno Mauro,
aderisce al progetto. Dalle
9.30 alle 11.30, con accesso
libero e gratuito, presso
la Struttura di Endocrinologia
del Padiglione Vinci
(piano rialzato) l’equipe
medici-dietiste-infermiere
effettuerà valutazioni
antropometriche (peso,
altezza, indice di massa
corporea) per fare diagnosi
di obesità o sovrappeso.
Al termine sarà consegnato
a ogni partecipante
un opuscolo contenente
informazioni sulla corretta
gestione dell’Obesità.

«Ridurre l’obesità è un impegno che richiede l’aiuto di istituzioni,
clinici e cittadini – dichiara il dott. Mauro Magno, responsabile della
Struttura di Endocrinologia presso l’Ospedale SS. Annunziata –. Le
evidenze scientifiche dimostrano che riducendo di un punto percentuale
l’incidenza dell’obesità si riesca ad abbattere da uno a tre milioni
i casi di tumore, malattie cardiovascolari, diabete e ipertensione tra i
cittadini europei. Abbassarla di cinque punti percentuali ne eviterebbe
addirittura da due a nove milioni».
Per chi volesse approfondire le problematiche mediche dell’Obesità
si ricorda che l’equipe della Ssd di Endocrinologia effettua durante
l’anno visite dietologiche ambulatoriali (sia per pazienti adulti che
pediatrici) sempre al Padiglione Vinci, tramite prenotazione Cup.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche