06 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Attualità

San Cataldo, tutti gli eventi

Presentato il programma dei festeggiamenti


Fede, arte, cultura, sono questi i denominatori
dei festeggiamenti in onore di San Cataldo, patrono della Città
di Taranto e dell’Arcidiocesi presentati martedì scorso in Arcivescovado.

Il programma religioso che ha come costante giornaliera la
novena in Cattedrale alle ore 18, culminerà mercoledì 8 maggio con la consegna della statua argentea del santo patrono al
sindaco di Taranto da parte del Capitolo Metropolitano alle ore
18.45. Subito dopo si terrà la processione a mare a bordo della
Nave “Cheradi” della Marina Militare (g. c.). con la tradizionale
“pioggia di argento” di fuochi pirotecnici al passaggio dal canale
navigabile.

Come San Cataldo sia diventato patrono di Taranto
ce lo ricorda la storia: il 10 maggio del 1071 alcuni operai intenti
a lavorare alla nuova cattedrale di Taranto, rinvennero nella zona
dove esisteva la cappella dedicata a San Giovanni di Galilea, un
sarcofago nel quale erano racchiuse le spoglie di San Cataldo: il
nome (“Cataldus”) era inciso infatti su una crocetta aurea assieme
al luogo di provenienza: “Rachan” o “Rachau”. Da allora la città
lo festeggia in quella data come suo santo patrono. Precisamente
in tutta la giornata del 10 maggio sarà esposta alla venerazione
dei fedeli, la crocetta aurea che fu rinvenuta più di nove secoli fa.
Sempre il 10 maggio alle 17 la solenne Solenne Messa Pontificale,
presieduta da S. Ecc.za Rev.ma Mons. Filippo Santoro, Arcivescovo Metropolita di Taranto, insieme al Capitolo Metropolitano e il
clero dell’Arcidiocesi. Subito dopo si snoderà la cd. processione a
terra sul seguente itinerario: Largo Arcivescovado, corso Vittorio
Emanuele II, piazza Castello, via Matteotti, via Margherita, via
Anfiteatro, via Berardi, piazza Maria Immacolata, via D’Aquino.
Dal balcone della chiesa del Carmine, S.E. Mons. Arcivescovo
rivolgerà il saluto alla Città ed all’Arcidiocesi ed impartirà la
solenne benedizione.

Rientro: via D’Aquino, via Margherita, via
Matteotti, piazza Castello, via Duomo, Basilica Cattedrale. In
parallelo, estremamente ricco il programma di manifestazioni
artistico-culturali. Si inizia sabato 4 maggio alle 19 in Cattedrale
con la mostra fotografica San Cataldo dei Tarantini a Betlemme:
gli scatti di Anna Svelto sulla colonna raffigurante San Cataldo
in Terra Santa e quelli di Egisto Nino Ceccarelli sui lavori di
restauro nella Basilica della Natività di Betlemme realizzati dalla
Piacenti spa di Prato. Alle ore 20.30 nel Cappellone la pièce
teatrale “Il Cappellone di San Cataldo scritta da Augusto Ressa
in occasione del completamento del restauro del Cappellone.

Domenica 5 maggio alle 17 in Arcivescovado: “I capolavori di
Giuseppe Sanmartino nella Cattedrale di Taranto, una giornata
di studio sul più grande scultore del ’700 napoletano. Alle 19.45
nel Cappellone: “Il Barocco, festa della fede”, Concerto per
quintetto d’archi, organo e tre voci soliste. Martedì 7 maggio alle
19 in Cattedrale la presentazione del IV Quaderno Fragmenta,
Le cappelle perdute della Cattedrale di Taranto, di Vittorio De
Marco, nel corso della serata vi sarà il conferimento delle Croci
di san Cataldo ai sostenitori della Basilica Cattedrale e la premiazione della Giornata Cataldiana della Scuola che quest’anno
ha per tema “San Cataldo pellegrino in Terra Santa”.

Lunedì 6
e martedì 7 maggio sarà presente a Taranto il campione Javier
Zanetti, ale 15 del 6 nell’Oratorio della chiesa di San Giuseppe
per avviare un progetto educativo a cura della fondazione Pupi
e alle 9.30 del 7 presso il teatro Orfeo per presentare il suo libro:
“Javier Zanetti, vincere ma non solo”. Mercoledì 8 maggio alle 10
in Cattedrale il III Gran Concerto Cataldiano della Scuola a cura
dell’Orchestra Giovanile della Provincia di Taranto a cui seguirà
l’Aperitivo in piazza Duomo alle ore 12 offerto dagli istituti alberghieri della provincia. Sempre l’8 maggio alle ore 19 partenza
della prima tornata a remi del Palio di Taranto. Giovedì 9 maggio
alle ore 19.30 in Cattedrale, cerimonia di consegna dei Cataldus
d’Argento.

Venerdì 10 maggio dalle 15 alle 21
in piazza Garibaldi vi sarà lo speciale annullo
filatelico e a partire dalle 21 la ConTurBand tra
le vie del borgo. Sempre alle 21 un innovativo
concerto galleggiante con Renzo Rubino sulla
banchina del Castello Aragonese a seguito del
quale la conclusione dei festeggiamenti con il
tradizionale spettacolo di fuochi pirotecnici
dal Castello Aragonese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche