Attualità

Ilva: partono i corsi di riqualificazione dei cassintegrati

Incontro dei sindacati in Regione Puglia


Il corteo per l'Ilva - Copyright: Tbs

Martedì 1 ottobre le tre sigle confederali Cgil Cisl e Uil hanno incontrato in Regione Puglia l’assessore alle Politiche del Lavoro Sebastiano Leo, per discutere dei corsi di riqualificazione professionale dei lavoratori in CIGS di Ilva in A.S di pertinenza della Regione Puglia.
Già in un precedente incontro, del tutto inconcludente e senza risposte concrete, i sindacati avevano manifestato la necessità di accelerare intimando ai responsabili regionali che tutto avrebbe dovuto compiersi entro e non oltre una settimana con una proposta congrua da parte della Regione in grado di garantire oltre l’aggiornamento e riqualificazione professionale dei lavoratori, anche il sostegno al reddito. La misura è rivolta ai lavoratori in CIGS a zero ore e CIG in deroga. Durante l’incontro alla presenza dell’assessore Sebastiano Leo, FIM -FIOM-UILM, con forza, hanno rivendicato la necessità di far partire a valle dell’iter normativo previsto, la proroga dell’Avviso 04/2017 con tutte le misure in esso previste.
Grazie all’impegno profuso ed alla caparbietà di FIM-FIOM-UILM, il bando per l’accreditamento degli enti di formazione sarà operativo a fine settimana, dunque emanato definitivamente, inoltre l’indennità di frequenza sarà pari a € 6 /ora, e non le precedenti € 2,50 pro-capite annunciate nella scorsa riunione. Il pacchetto formativo sarà da intendersi per un numero di ore pari a 210, con un catalogo di dettaglio contenente tutti i vari profili e qualifiche ampliati rispetto al passato. Elevato anche il numero di enti di formazione nelle varie provincie. L’avvio dei corsi avverrà entro il mese di novembre 2019 e, quanto raggiunto oggi, rappresenta un passo fondamentale per l’accrescimento delle competenze e l’aggiornamento delle capacità professionali per consentire a tutti questi lavoratori il reimpiego nel contesto lavorativo così come previsto dall’accordo del 6.9.2018, non trascurando il sostegno al reddito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche