25 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Settembre 2021 alle 07:15:05

Attualità

Ilva, indotto. L’azienda Gamit blocca gli stipendi

L'azienda vanta crediti da Mittal


Un'immagine del Siderurgico di Taranto

Taranto, 13 nov. – “Siamo spiacenti comunicare che la scrivente azienda allo stato è impossibilitata ad erogare in data 13.11.2019 gli emolumenti di ottobre”. È il testo della lettera che questa mattina l’azienda Gamit, dell’indotto-appalto siderurgico ArcelorMittal di Taranto, ex Ilva, ha spedito a Fim, Fiom e Uilm.

L’azienda non pagherà gli stipendi di questo mese perché a sua volta non si è vista saldare le fatture da ArcelorMittal per i lavori effettuati nel siderurgico. È la prima azienda che comunica ufficialmente lo stop agli stipendi mentre altre imprese hanno già comunicato ai sindacati la necessità di ricorrere alla cassa integrazione avendo cantieri fermi a causa del disimpegno di ArcelorMittal.

Ammonta a 70 milioni il debito non pagato da Mittal alle ditte dell’indotto.

1 Commento
  1. Tarentum 2 anni ago
    Reply

    Il tracollo è partito!!!una ad una e giorno dopo giorno sentiremo aziende pronte alle chiusura!!!tutto questo per colpa di 4 farabutti politici incapaci di gestire neanche il monopoli!!non ho più parole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche