Attualità

Il Partito Democratico per lo sviluppo sostenibile

La proposta del Pd Taranto per l'istituzione di un ministero per lo sviluppo sostenibile, e di un commissario al Cis


Si è tenuta questa mattina la Conferenza stampa del Partito democratico sull’ordine del giorno che sarà presentato al Senato dai democratici per promuovere lo sviluppo di Taranto accelerando gli investimenti già stanziati e promuovendone di nuovi.
In apertura della Conferenza stampa è stato rivolto un ringraziamento al Presidente del gruppo PD al Senato Andrea Marcucci che, a seguito dell’incontro dei giorni scorsi con la delegazione del PD di Taranto, ha presentato l’ordine del giorno a favore della nostra comunità accogliendo le nostre preoccupazioni.
 
Nel merito, l’imperativo è ripartire dal Cis (Contratto Istituzionale di Sviluppo) con il 1 miliardo di euro già stanziato.
– Bisogna accelerarne l’utilizzo.
– Inoltre, è necessario implementare l’impegno sull’Arsenale (realizzando 300 nuove assunzioni).
– Per quanto riguarda la Città Vecchia: va avviata la rigenerazione urbana.
– Per il porto: bisogna completare l’infrastrutturazione.
– In merito all’agenzia portuali: vanno garantiti i 500 lavoratori.
– Marta’: reintrodurre la Sovrintendenza;
– Per la sanità: accelerare l’iter dell’appalto dell’ospedale San Cataldo
E’ stato anche proposta l’istituzione di un commissario che, seguendo l’esempio di Expo Milano, possa completare tutti i lavori entro i giochi del Mediterraneo del 2026.
E da qui il PD lancia la proposta dell’accorpamento del Ministero dello Sviluppo Economico con quello dell’Ambiente affinché si possa parlare di Ministero dello Sviluppo Sostenibile.
Lo sviluppo sostenibile è la risposta più appropriata alla ondata green che le piazze di questi giorni rappresentano.
Tutti i particolari nell’edizione di domani di Taranto Buonasera in distribuzione fin dal mattino. Per leggere  online basta abbonarsi al prezzo lancio di 60 euro l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche