La protesta

​Studenti in corteo per chiedere interventi​

Ferraris-Quinto Ennio, ieri mattina la manifestazione

Attualità
Taranto giovedì 14 febbraio 2019
di La Redazione
Il corteo degli studenti del Ferraris-Quinto Ennio
Il corteo degli studenti del Ferraris-Quinto Ennio © Tbs

«Abbiamo deciso di scendere in piazza per denunciare i problemi di edilizia più volte ignorati dall’ente provinciale».

Ieri mattina, nelle vie del centro di Taranto, la manifestazione degli studenti del liceo Ferraris - Quinto Ennio, che hanno percorso via Di Palma e via D’Aquino in corteo per ritrovarsi in piazza Garibaldi per una assemblea in attesa dell’incontro con i vertici di Palazzo del Governo. Nei giorni scorsi, proprio a seguito delle denunce degli studenti del liceo, è intervenuto il vicepresidente della Provincia, Raffaele Gentile.

«Mi dispiace leggere che gli studenti si sentano abbandonati dall’amministrazione provinciale. Il sottoscritto, ma anche i dirigenti provinciali, non si sono mai sottratti al confronto con le rappresentanze studentesche per cercare di risolvere le problematiche degli edifici scolastici. Nella fattispecie – ha precisato Gentile - per quanto concerne la mancanza di riscaldamenti, già dalle 14 della giornata di martedì 6, l’impianto di riscaldamento è stato rimesso in pieno funzionamento. Per quanto riguarda la sede di via Mascherpa, in conseguenza ai lavori effettuati dall’Aqp, c’è stata una diminuzione della portata d’acqua. Occorrerà a breve adeguare la portata delle condutture per tornare alla normalità. L’istituto Santa Teresa - ha concluso il vicepresidente Gentile - come è noto è una struttura in locazione. Non appena sarà approvato il bilancio potremo mettere a norma l’istituto e chiudere la pratica con i vigili del fuoco».

Il Presidente Gugliotti ha, infine, commentato l’episodio: «siamo al lavoro affinchè le condizioni degli edifici scolastici migliorino e garantisco che da parte di questa amministrazione ci sarà tutto l’impegno per razionalizzare e riorganizzare gli spazi che ospitano le istituzioni scolastiche del territorio ionico».

Lascia il tuo commento
commenti