Attualità

I bambini della scuola Maria Pia di Savoia senza palestra da 4 mesi non possono fare lezione di educazione fisica

Lo comunica il Coordinatore cittadino di Futuro San Giorgio Massimo Pighi

Il Palazzo di Città di San Giorgio Jonico
Il Palazzo di Città di San Giorgio Jonico

“Dobbiamo prendere atto con grande delusione che i bambini della scuola elementare Maria Pia di Savoia non hanno potuto svolgere in questi quattro mesi le lezioni di educazione fisica a causa dell`inidisponibilitá della palestra, struttura alle prese con i lavori di ristrutturazione da parte del Comune di San Giorgio” lo comunica il Coordinatore cittadino di Futuro San Giorgio Massimo Pighi.

.”Quanto sia preziosa e utile l`attivitá fisica per la crescita dei nostri figli é arcinoto. Lo confermano i medici, gli sportivi, le societá sportive e anche i genitori stessi che pagano le tasse per i propri figli che vanno a scuola. Un black out cosí lungo poteva essere assolutamente evitato da parte dell`amministrazione Fabbiano che in altri settori della vita pubblica e sociale, oltre che alla manutenzione dei rondó, delle strade e del verde pubblico, é stato cosí solerte e attivo nell`intervenire per migliorare il paese e la sua immagine. Per la palestra della scuola elementare ‘Maria Pia’, i cui lavori di manutenzione della stessa dovrebbero terminare entro la sosta natalizia, invece la giunta attuale é stata molto lacunosa, debole, insensibile e indifferente nel trovare una valida alternativa. Soluzione che c´era, era a portata di mano visto che distava appena 100 metri la possibilitá di far recare i bambini presso la palestra del centro sociale polivalente presso la Pia Unione dei ‘Servi della Sofferenza’, denominata e confermata ormai ‘palestra fantasma’,  struttura con la quale il Comune di San Giorgio aveva sottoscritto da diverso tempo la convenzione per il suo utilizzo, pagando probabilmente una cambiale elettorale. Perché non l´ha fatto?”

“Sicuramente- conclude Pighi” per le gravissime responsabilitá del Comune. Tempo addietro il movimento politico di ‘Futuro San Giorgio’ mise in evidenza anche alcuni dubbi e forti perplessitá sulla documentazione relativa alla convenzione stessa della paletsra e del centro sociale  presso la Pia Unione dei Servi della Sofferenza. A questi chiarimenti richiesti per la sicurezza dei bambini circa la palestra, la documentazione, gli atti autorizzativi forse non del tutto in regola (agibilitá, l’impianto elettrico, ecc.) che comprendono anche l`intera struttura dell`Istituto Servi della Sofferenza, non sono mai arrivate risposte e delucidazioni dal Comune, solita omertá, che qui é stato campione nella deficienza e dabbenaggine amministrativa. E di recente pare siano emersi anche dei malumori interni anche tra alcuni componenti dell´Istituto Servi della Sofferenza circa la sua conduzione economica forse non efficientissima e la gestione finanziaria dello stesso ente ecclesiastico alle prese con probabili lati oscuri che avrebbero messo in allarme gli stessi associati nella presunta conduzione non positiva. I probabili ammanchi monetari avrebbe aggravato e messo in dubbio la gestione, al punto tale che si accavallerebbero le voci circa le presunte dimissioni di chi coordinerebbe la gestione finanziaria”.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche