25 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Novembre 2020 alle 16:34:55

Attualità

Ilva, Vianello (M5S): “Basta soldi pubblici a industria dei veleni”

Il parlamentare tarantino propone di utilizzare i fondi europei per le bonifiche.

ArcelorMittal
ArcelorMittal

 

“Basta soldi pubblici all’industria dei veleni, ora è il momento delle bonifiche e di un maxi risarcimento alla città di Taranto. I nuovi fondi per la ‘transizione giusta’ devono essere impiegati per Taranto e le bonifiche, non per la produzione dell’Ilva”. Così in un post su facebook il deputato tarantino Giovanni Vianello del MoVimento 5 Stelle. “Occorre – continua – una programmazione per la riconversione economica: il Fondo Sviluppo e Coesione può essere utilizzato per questo. Lo avevamo già proposto con un emendamento al dl Crisi d’Imprese, prevedendo più di 2 miliardi per Taranto. Nei fondi FSC ci sono svariati miliardi di euro che servono proprio allo sviluppo e coesione dei territori rimasti arretrati: dopo il danno che lo Stato ha provocato a Taranto, isolandola dal resto d’Italia e condannandola ai veleni e ai ricatti occupazionali, questo ingente investimento nella nuova programmazione dei FSC (2021-2027) non rappresenta nient’altro che un risarcimento dovuto, necessario e urgente alla città di Taranto. Ora il Pd e il resto della maggioranza, dopo averci seguito nel togliere l’immunità ad Ilva, ci sostengano anche su questo”. “Si parla tanto del CIS e del miliardo non ancora speso: facciamo chiarezza una volta per tutte – incalza Vianello su facebook -, premesso che, più di un terzo delle risorse sono già state spese, occorre dire che alcuni progetti contenuti nel CIS, in realtà, sono vecchi e sono stati finanziati prima ancora della nascita del CIS stesso, e in alcuni casi si tratta di progetti già conclusi. Il CIS, inoltre, così com’è, anche se apporterà alcune importanti modifiche all’assetto della città (vedi interventi in Città Vecchia) non è in grado di cambiare il destino di Taranto e non rappresenta una riconversione economica”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche