14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 15:33:31

Attualità

Minori stranieri non accompagnati, seminario “La mia casa è un guscio aperto”

A Taranto il 30 Gennaio presso il Palazzo della Provincia


 

Giovedì 30 gennaio, a partire dalle ore 14.30, presso la sede della Provincia in via Anfiteatro 4, si terrà il seminario “La mia casa è un guscio aperto”, appuntamento per la regione Puglia del ciclo nazionale di seminari aperti ai cittadini interessati e agli operatori del settore dell’accoglienza e della protezione dei minori stranieri non accompagnati, organizzati in occasione della “Settimana del tutore volontario”.

I relatori approfondiranno diversi temi, con una particolare attenzione agli aspetti dell’accoglienza e presa in carico dei minori stranieri non accompagnati che giungono nel nostro Paese e degli strumenti di tutela e inclusione sociale. Nell’occasione sarà presentato il progetto di monitoraggio della tutela volontaria promosso dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Porteranno le loro esperienze e testimonianze alcuni tutori volontari e operatori del terzo settore.

Per approfondimenti: https://tutelavolontaria.garanteinfanzia.org

***

Scheda: il progetto di monitoraggio della tutela volontaria

Il progetto di monitoraggio della tutela volontaria per i minori stranieri non accompagnati è svolto per adempiere un compito che l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia) è chiamata a svolgere dalla legge 47/2017. L’iniziativa è finanziata dalle risorse europee del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI), gestito dal Ministero dell’interno. Il progetto punta ad assicurare capillarmente sul territorio nazionale diritti e opportunità nelle fasi di accoglienza e integrazione ai minori stranieri non accompagnati presenti in Italia valorizzando l’operato dei tutori volontari e degli altri soggetti coinvolti nel sistema di protezione.

Cosa prevede il progetto.

  1. Dati costantemente aggiornati sulla tutela volontaria in Italia: sistema di monitoraggio quali-quantitativo che fornisce informazioni su scala nazionale sullo stato di attuazione delle disposizioni in materia di tutori volontari.
  2. Rete interistituzionale di accompagnamento per i tutori volontari: sono attive unità operative locali in ciascun distretto di Corte d’Appello. Gli operatori – specializzati in materie giuridiche e sociali – acquisiti i bisogni espressi a livello locale, mettono in rete le singole realtà e agiscono per dare supporto al monitoraggio, fare da sportello informativo, offrire aggiornamento e occasioni di confronto con i tutori volontari.
  3. Qualificazione costante delle competenze dei tutori volontari: tenendo conto dei bisogni che saranno espressi da ciascun territorio, l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza metterà a disposizione il proprio supporto alle iniziative di garanti, tribunali per i minorenni, prefetture, enti locali, Asl, associazioni accreditate e attori territoriali.
  4. Diffusione dei progetti locali innovativi in materia di tutela volontaria: i saperi, le competenze e le esperienze maturati sul campo saranno oggetto di scambio di buone pratiche a livello nazionale. Saranno diffuse su scala nazionale le iniziative degli attori locali del sistema di accoglienza. Previsti cases study internazionali.
  5. Centro di documentazione e produzione di materiali di orientamento in materia. In programma la redazione di documenti di orientamento generale per tutori, minorenni e per i soggetti coinvolti nel sistema di presa in carico dei minori stranieri non accompagnati.
  6. Divulgazione dell’esperienza italiana nei Paesi europei. È prevista la diffusione delle buone pratiche e delle esperienze di successo attuate nei territori italiani in materia di tutela volontaria attraverso scambi con istituzioni di altri Paesi europei.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche