08 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Maggio 2021 alle 08:30:10

Attualità

Il sequestro di Marechiaro è un’accelerazione per la realizzazione del Parco del Mar Grande

L'intervento del gruppo consiliare di Taranto di Italia in Comune

Operazione pulizia sulla costa di San Vito
Operazione pulizia sulla costa di San Vito

“Il sequestro dell’area nella zona costiera di Marechiaro a San Vito operato nei giorni scorsi da Polizia di Stato e Capitaneria di porto, ai quali va il nostro ringraziamento, divenuta negli anni una discarica a cielo aperto, ci consente di imprimere finalmente una accelerata al progetto per la realizzazione del Parco del Mar Grande” lo dichiarano i consiglieri comunali di Taranto di Italia in Comune Emidio Albani, Piero Bitetti e Vittorio Mele .  “L’attenzione rivolta dalla giunta a quel meraviglioso tratto di costa ha fatto sì che venisse alla luce l’emergenza ambientale. Abbiamo un motivo in più per bonificare quella zona e riconsegnarla all’uso pubblico mediante opere di rigenerazione urbana. Non vogliamo infatti venir meno all’impegno assunto con i cittadini affinché quella porzione di territorio possa diventare un grande parco sottraendola così al degrado e all’inciviltà. Non vogliamo rinunciare alla realizzazione di percorsi fitness, di un grande parco giochi per bambini , di strutture ombreggianti e blocchi di servizi per il ristoro, alla innovativa Dog Beach, a pedane in legno per la balneazione e moli per l’attracco di piccoli natanti a remi e a pedali. Con un adeguato sistema di illuminazione e di video sorveglianza il parco sarà utilizzabile nelle ore serali e sarà raggiungibile anche attraverso una pista ciclabile. Continuiamo . conclude Italia in Comune Taranto- a lavorare sodo per rendere la nostra città più vivibile, per dare più servizi ai cittadini, per lasciarla ai nostri figli meglio di come l’abbiamo trovata”.

 

3 Commenti
  1. Maria Todaro 1 anno ago
    Reply

    Per anni l’ area è stata utilizzata come zona di scarico di rifiuti di ogni genere. I camion andavano e venivano liberamente, ero bambina ma la cosa è andata avanti per anni. Facevamo segnalazioni ma nessuno interveniva.. Poi la nuova sensibilità ha fatto sì che le amministrazioni comunali intervenissero portando via i rifiuti più ingombranti e spianando il resto di volta in volta, strato su strato.. Ora ci si stupisce.. Di cosa non si sa.. Bisogna quindi presentare un esposto affinché qualcuno intervenga, davvero incredibile! Qui c’è pochissimo controllo e quando ci rivolgiamo alle autorità, non otteniamo alcuna risposta.

  2. Monica 1 anno ago
    Reply

    Speriamo diventi una zona fruibile secondo tale progetto e non solo un gabinetto per cani come tutte le aree verdi della nostra città.

  3. Anna 1 anno ago
    Reply

    Si ritorna sempre a dare colpa ai cani.. Vogliamo invece parlare dei rifiuti di ogni genere che l’uomo scarica a mare e sulle spiagge???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche