22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 12:59:57

Attualità

Ilva, road map dopo il vertice al Mise. Sospeso lo sciopero


Una road map per provare a tracciare il futuro dell’ex Ilva. È questo l’esito del lungo vertice di oggi, mercoledì 23 settembre, al Mise tra il ministro Patuanelli ed i rappresentanti dei sindacati metalmeccanici. L’impressione è quella di una tregua dopo le fortissime tensioni dei giorni scorsi; sospeso lo sciopero in programma per domani.

Entro la prossima settimana il Ministro prevede che si arrivi alla definizione dell’assetto societario facendo chiarezza sul percorso da intraprendere.
Dalle analisi risulta necessari al sito di Taranto un investimento pari a 3 miliardi di euro per cui sarà fondamentale attingere ai fondi europei. I commissari  garantiscono che saranno mantenuti gli accordi presi con l’affittuario.

“Apprezziamo che il Ministero ci abbia convocati in breve tempo. Peccato sia avvenuto solo dopo che un gruppo di lavoratori esasperati ieri ha bloccato una strada statale. Questo dimostra che una partita così complicata non puó continuare a essere gestita tra silenzi ed emergenza” dichiara Valerio D’Alò (Fim Cisl). “Dal prossimo mese saranno avviati tavoli tecnici e di confronto anche con altri ministeri coinvolti che nei prossimi giorni verranno calendarizzati. Dal prossimo lunedì sarà avviato un tavolo tecnico al Mise per discutere della sutuazione manutentiva degli stabilimenti di tutto il Gruppo.
Il governo è in contatto con l’azienda perchè sia garantita l’attività ispettiva da parte dei commissari e siano garantite le manutenzioni occorrenti all’interno dello stabilimento”.

La nota dei sindacati – In data odierna si è tenuto l’incontro tra il ministro dello sviluppo economico Patuanelli e le organizzazioni sindacali in merito alla difficile fase che attraversa lo stabilimento siderurgico di Taranto sia dal punto di vista della sicurezza e della questione sociale e ambientale. Un incontro serrato, durato circa 3 ore, che ha prodotto un primo risultato rispetto alla calendarizzazione di una serie di incontri, a partire da domani alle ore 12:00 in cui ci sarà un primo confronto con i vertici di Arcelor Mittal. Il successivo incontro, previsto per lunedì 28 settembre, affronterà la complessa vertenza ed Ilva a partire dal futuro del gruppo con la presenza anche di Invitalia. Inoltre, nei prossimi giorni saranno programmati ulteriori incontri monotematici a partire dalla questione della sicurezza, dell’occupazione, dell’appalto e del salario dei lavoratori. Il Ministro ha ribadito con fermezza che nessun piano industriale, che prevede la partecipazione dello Stato, potrà prevedere un solo licenziamento a partire dai lavoratori di Ilva in A.S. Infine, Fim, Fiom, Uilm e Usb hanno dichiarato ai commissari straordinari e al ministro Patuanelli la necessità di fermare la fabbrica per le scarse condizioni di sicurezza legati ai mancanti interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Per tali ragioni è momentaneamente sospeso lo sciopero proclamato per il prossimo 24 settembre e vi aggiorneremo nelle prossime ore sulle novità che emergeranno dall’incontro di domani.
Fim – Fiom – Uilm -Usb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche