24 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Luglio 2021 alle 21:10:00

Cronaca

Denunciati direttore di banca e dipendente a Manduria


Militari della Compagnia di Manduria hannoconcluso un’attività di indagine delegata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto, nei confronti del Direttore di un Istituto di Credito con sede a Manduria e di una sua dipendente, responsabili, in concorso, del reato di indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento.  

Le investigazioni condotte dai finanzieri della cittadina messapica hanno consentito di raccogliere probanti elementi in ordine alla sottrazione di somme di denaro ai danni di un ignaro cliente ultranovantenne, ora deceduto, titolare di un conto corrente presso il predetto Istituto di Credito.

La sottrazione è stata resa possibile attraverso la complicità di una dipendente della banca,preposta al rilascio degli strumenti di pagamento elettronico, atteso che la carta di credito utilizzata per gli illeciti prelievi risultava dai documenti ufficiali regolarmente consegnata al citato correntista, ma di fatto era nella disponibilità del Direttore.

Attraverso l’analisi della documentazione bancaria acquisita nonché dalla visione delle immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza dell’Istituto di Credito, è stato possibile ricostruire le modalità delle sottrazioni in danno della predetta persona anziana, la quale, nel periodo riferito a dette movimentazioni illecite di denaro, era degente presso una strutturasocio-sanitaria poiché in precarie condizioni di salute.

In particolare, nell’arco temporale di tre mesi sono stati accertati prelievi anomali”,quantificati complessivamente in 9.100 euro, uno dei quali eseguito direttamente dal Direttore della banca che, al termine di una giornata lavorativa, prelevò dallo sportello bancomat la somma di 1.500 euro.

L’attività svolta testimonia il costante impegno profuso dalla Guardia di Finanza a contrasto di ogni forma di illegalità, a discapito dei cittadinionesti ed in particolare delle categorie più indifese e vulnerabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche