31 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 31 Ottobre 2020 alle 15:37:55

Cronaca

“Chiederemo i danni a Riva”


Sulla vicenda Ilva “è fondamentale far applicare il piano di risanamento ambientale e l’attuazione dell’Aia. Non è solo un problema di impianti, ma di come vengono condotti e ora con il subcommissario Edo Ronchi c’è alla guida chi ha attenzione per le ricadute ambientali”. Così il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando (nella foto), intervistato da Radio Capital. Su un risarcimento che andrebbe chiesto alla famiglia Riva, il ministro ha spiegato: “Non lo dico io, c’è una normativa che dice che chi inquina paga. Stiamo contestando il danno e questo deve produrre un risarcimento. E il meccanismo previsto dal nostro decreto muove dal principio che si utilizzano i proventi dell’acciaieria per la bonifica”.

“E’ molto probabile” che se ci sarà un processo il Ministero dell’Ambiente si costituirà parte civile, “anche se è più importante che le risorse siano subito disponibili per la bonifica perché il problema dei processi per danno ambientale è che spesso la constatazione del danno e il risarcimento arrivano molti anni dopo, con una beffa per i cittadini”, ha concluso Orlando. Intanto, il commercialista tarantino Mario Tagarelli sarà la persona cui il commissario dell’Ilva, Enrico Bondi, dovrà riferire sull’andamento della società. La designazione e’ stata fatta ieri dall’assemblea dei soci di Ilva spa riunitasi a Taranto. Tagarelli, che il gip Patrizia Todisco ha nominato amministratore del sequestro da 8 miliardi di euro sui beni e sui conti della capogruppo Riva Fire, è la figura prevista dal quarto comma del decreto legge 61 varato dal Governo il 4 giugno e attualmente in discussione alla Camera per la conversione in legge, mentre inizieranno nei prossimi giorni in commissione Ambiente, Territorio e Beni Ambientali del Senato le audizioni sul caso Ilva. In queste ore si sta approntando il calendario: saranno invitati i vertici dell’azienda, i responsabili degli Enti locali e delle parti sociali. Il presidente della commissione, Giuseppe Marinello, spiega: “L’obiettivo delle audizioni è acquisire elementi e informazioni utili e pertinenti che diano un quadro generale alla Commissione, sull’inquinamento ambientale nella zona”. A dare l’ok alla nomina di Tagarelli anche il socio di minoranza Valbruna Nederland, società olandese di proprietà della famiglia Amenduni, di cui si era parlato come possibile ‘alternativa’ ai Riva.

G.D.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche