Cronaca

Furto alla Dogana, via con 15 computer


La telefonata ai carabinieri scatta alle tre di notte. I ladri, per la terza volta in un mese, stavano mettendo a segno un altro colpo ai danni della sede provinciale della Dogana e dei Monopoli di Stato. E stamattina, negli uffici della Bestat, non si lavora: non si può lavorare.

E’ tutto sottosopra dopo il raid notturno ‘costato’ ben 15 computer e due condizionatori. I ladri hanno cioè portato via quello che poteva fruttare danaro, lasciando invece i documenti sparsi sul pavimento e mettendo a soqquadro l’intero ufficio.

Anche nelle precedenti incursioni sono stati portati via tutti i computer. Questa volta agli apparecchi informatici si sono aggiunti anche i condizionatori. Ma il modus operandi sembra ricalcare quello dei precedenti furti.

«Anche questa volta si sono portati via tutti i computer insieme a due condizionatori» si sfoga uno dei responsabili dell’ufficio, Raffaele Di Gregorio. Poi, facendosi portavoce dei colleghi: «Qui sembra che ci abbiano preso di mira. Nello stabile ci sono anche altri uffici, ma da noi i ladri hanno fatto irruzione già tre volte nell’ultimo mese. Per questo abbiamo già chiesto di trasferire la sede, di andar via dalla Bestat». Lo stato d’animo stamattina non è dei migliori.

«Tra i dipendenti c’è paura, perché non sai al mattino, quando vai ad aprire, chi ti puoi ritrovare. E se ci fossero stati ancora i ladri?».

Domande che rimbalzano tra gli impiegati che si sono svegliati con l’ennesima ‘brutta sorpresa’. Stamattina, per dirla con i dipendenti, è un ‘macello’: «siamo bloccati, non si può lavorare».

Nella foto, dello studio di Renato Ingenito, gli uffici della Bestat come si presentavano stamattina, dopo il raid notturno dei ladri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche