25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 22:11:00

Cronaca

Regionale 8, niente soldi? Scatta la rivolta


FRAGAGNANO – Il 3 luglio a Bari si prepara la rivolta. 

Alla notizia della mancanza di 140 milioni di euro per portare a compimento il progetto della superstrada Talsano-Avetrana, meglio conosciuta come Regionale 8, i sindaci sembrano increduli e tra loro è il primo cittadino di Fragagnano, Michele Andrisano ad alzare la voce e ad invitare i colleghi, i parlamentari e tutti i rappresentanti istituzionali locali e far sentire, in Regione, la voce di protesta contro quella che definisce “una presa in giro”.

Ecco come spiega le ragioni della sua protesta il sindaco Andrisano: “L’opera, bocciata dal Comitato Regionale Via nella seduta del 21 maggio, è stata già finanziata dalla Regione Puglia Assessorato alla Mobilità nel 2008 con 8 milioni di euro, di cui sono stati già spesi circa 5 milioni per attività tecnica di progettazione. Intanto, mercoledì 3 luglio è stata convocata una riunione a Bari per cercare di risolvere la situazione e trovare alternative. Il vero motivo della bocciatura del progetto sta nel fatto che la Regione Puglia non ha più i fondi finanziati nel 2008 per completare l’opera. L’intervento previsto includeva le spese di progettazione assieme a quelle di realizzazione della struttura. E’ incomprensibile l’atteggiamento di chi governa la nostra regione, vogliamo delle risposte chiare! I cittadini non possono più attendere, e non possono più continuare a subire il malgoverno creato da Vendola”. 

“L’Amministrazione regionale continua a prendere in giro il nostro territorio e la nostra provincia già affetta da numerosi inconvenienti tra cui la questione ambientale e la sanità – aggiunge. Ora, ci tocca anche subire questa scellerata decisione. A quanto pare i fondi destinati alla realizzazione dell’opera sono spariti. Evidentemente sono stati indirizzati verso altre iniziative. Mancano all’appello circa 140 milioni di euro per avviare i lavori del primo e secondo lotto. Tutto questo noi non lo accettiamo. Numerosi sono stati gli incontri in merito a questa vicenda, in cui si è discusso delle prese di posizione da parte del Comitato Via, e dove si è chiesto a chi di competenza di fare marcia indietro e ripristinare il procedimento amministrativo. Il finanziamento, come per magia, è scomparso! Ora invito il mago di turno a far ritornare i fondi previsti per la messa in cantiere dell’opera”.

Ore di attesa per conoscere l’esito e l’andamento del tavolo convocato a Bari presso l’Assessorato guidato da Giannini per comprendere la fine di questa bollente questione.

Intanto il sindaco Andrisano, esponente del Pdl, lancia un appello: “Mercoledì invito tutti coloro che hanno la responsabilità di amministrare il territorio ionico, a partire dai sindaci, dai consiglieri regionali ai parlamentari, a essere presenti e manifestare il proprio dissenso, rimarcando l’importanza di quest’opera. Sono convinto che con la collaborazione di tutti gli esponenti istituzionali ionici, a prescindere dalle bandiere di partito, riusciremo a portare a casa un risultato positivo e costruttivo per le nostre comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche