24 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Giugno 2021 alle 14:31:49

Cronaca

Tumori e sigarette, Stefàno: «Bondi vada via»


«Noi, e uso il plurale perchè mi riferisco anche al presidente Vendola, avevamo già detto che quella nomina era inopportuna. Ora bisogna dire con chiarezza che Enrico Bondi va sostituito. Non può essere lui il commissario dell’Ilva». Ippazio Stefàno scandisce le parole. Il sindaco, contattato stamattina da Taranto Buonasera, prende posizione dopo la consulenza choc inviata da Bondi al governatore della Puglia, Nichi Vendola, e all’Arpa.

Quarantaquattro pagine per dire che le cause dei tumori ai polmoni che si registrano nei tarantini sono da ricercare in altri fattori, a cominciare dal «fumo di tabacco e alcool, nonchè nella difficoltà nell’accesso a cure mediche e a programmi di screening», e non nelle emissioni dell’Ilva.

Nella lettera Bondi contesta anche i criteri adottati dall’Arpa e dalla Regione sul danno sanitario prodotto dal siderurgico, e fa suo il dossier firmato dai consulenti dell’Ilva Paolo Boffetta, Carlo La Vecchia, Marcello Lotti e Angelo Moretti. I quali a loro volta contestano le conclusioni dell’Arpa, della magistratura e degli esperti del ministero della Salute autori dello studio ‘Sentieri’ sull’impatto delle emissioni dello stabilimento.

Da noi, secondo Bondi, ci si ammala di cancro per lo stile di vita dei cittadini: «è noto che a Taranto, città portuale, la disponibilità di sigarette era in passato più alta rispetto ad altre aree del Sud dove per ragioni economiche il fumo di sigaretta era ridotto fino agli anni ‘70».

Quando gli si leggono queste parole, Stefàno si indigna: «Ho convocato per domani Asl, Arpa, Ispra e lo stesso ministro della Salute, per un incontro che a questo punto è assolutamente urgente. Da medico, e non da sindaco, contesto ciò che scrive Bondi. I rapporti tra industria ed incidenza tumorale sono al centro di studi che partono dagli anni ‘40 in Inghilterra. Sempre da medico, vorrei che mi si rispondesse a due domande. I fumatori a Taranto sono nella grande maggioranza ai Tamburi? Davvero si ritiene che esista un legame tra fumo ed alcool e le patologie alla tiroide, da noi sono tantissime? La scienza dice di no».

La contrapposizione con Bondi, scelto dal governo Letta per guidare l’Ilva, è totale. E non potrà non avere conseguenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche