02 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2020 alle 06:50:03

Cronaca

Spacciava vicino l’ospedale, un arresto


La centrale dello spaccio era nei pressi dell’ospedale.

Nel blitz, condotto nel pomeriggio di ieri dai poliziotti della Sezione “Falchi” della Squadra Mobile, è finito nella rete per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente, il trentatreenne tarantino Rocco Urgesi.

Da qualche giorno i poliziotti in borghese, della questura impegnati in mirati servizi antidroga, avevano notato in via Parisi, all’interno di un appartamento in ristrutturazione, un intenso movimento di giovani dediti al consumo di sostanze stupefacenti. Durante servizi di appostamento gli agenti diretti dal dottor Roberto Giuseppe Pititto hanno individuato, Urgesi come il responsabile dell’attività illecita messa in piedi nel quartiere Borgo.

Il trentatreenne tarantino, infatti, è stato visto più volte affacciarsi al balcone dell’appartamento.

Dopo l’ennesimo arrivo di un acquirente i “Falchi” hanno deciso di porre fine all’attività illecita facendo irruzione nella casa. Durante una perquisizione scattata nell’appartamento in ristrutturazione i poliziotti hanno rinvenuto, appoggiati su un rudimentale tavolino, tre involucri di cellophane contenenti cocaina per un peso complessivo di 21 grammi, la somma di 355 euro in banconote di piccolo taglio e materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi di cocaina.

Portata a termine l’operazione Rocco Urgesi è stato accompagnato negli uffici di via Palatucci e, dopo le formalità di rito, dichiarato in arresto e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria.

La sostanza stupefacente recuperata e la somma di denaro, che è ritenuta dagli investigatori della polizia probabile provento dell’attività illecita, sono state poste sotto sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche