27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2021 alle 11:58:00

Cronaca

Schianto, muore vigile urbano. Feriti altri due


Schianto nella notte, muore un maresciallo della Polizia Locale. Emanuele Venneri, sessantadue anni, era appena tornato dalle ferie e la notte scorsa, intorno alle 2.30, era di servizio con altri due colleghi in ausilio ai mezzi dell’Amiu che stavano effettuando la pulizia delle strade. 

La morte, purtroppo, era in agguato all’incrocio tra via Ancona e via Lago di Como.

Contro l’auto del Reparto Mobile della Polizia Locale, a bordo della quale oltre al maresciallo c’erano il tenente Angelo Panessa, di cinquantadue anni e la vigilessa Maria Loscalzo, di quaranta, è piombata come un proiettile una Opel Corsa guidata da un ventenne, neo patentato.

E’ accaduto tutto in pochi attimi. Una frenata di quasi trenta metri poi un impatto terribile. Il muso della Opel ha letteralmente schiacciato la carrozzeria e poi il sedile posteriore sul quale era seduto il maresciallo Venneri.

L’impatto violento che ha anche fatto ribaltare l’auto dei vigili non ha lasciato scampo al sottufficiale della Polizia Locale. Una scena agghiacciante si è presentata davanti agli occhi dei primi soccorritori. Gli altri due vigili e il giovane conducente della Opel, tutti sotto choc e con ferite non gravi, sono stati soccorsi e trasportati a bordo di ambulanze del 118 all’ospedale “SS. Annunziata”.

Guariranno in venti giorni. Sul posto sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco della caserma di via Scoglio del Tonno i quali hanno estratto dalla lamiere contorte il corpo senza vita del maresciallo Venneri. I rilievi sono stati eseguiti dai carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Taranto e della stazione Taranto Salinella.

Auto sotto sequestro e indagini dei militari dell’Arma coordinati del pm di turno.

Il corpo privo di vita del maresciallo della Polizia Locale è stato ricomposto nell’obitorio del nosocomio di via Bruno dove da stamattina si registra un viavai continuo di familiari, colleghi e amici. La scorsa notte uno dei primi ad arrivare sul posto è stato il comandante della Polizia Locale, Michele Matichecchia. Sconvolti i colleghi di lavoro del maresciallo che era molto conosciuto in città nonostante avesse prestato servizio per tanti anni a San Giorgio Jonico.

Oltre dieci anni fa aveva chiesto il trasferimento nella Polizia Municipale di Taranto dopo aver lavorato nel suo paese di origine. A lungo aveva operato come sottufficiale delle pattuglie di supporto alle autogru che rimuovono le auto in sosta vietata e della squadra annonaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche