17 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Settembre 2021 alle 19:50:29

Cronaca

Chiede il pizzo e picchia due autotrasportatori


PALAGIANO – Avvicina due autotrasportatori presso un distributore di carburante, li minaccia chiedendo il pizzo e poi li picchia. Fugge, ma viene arrestato poco dopo.

E’ accaduto a Palagiano.  Giuseppe Carriero, 25enne residente a Palagiano, è stato arrestato ieri notte dai carabinieri della locale Stazione per i reati di tentata estorsione e lesioni personali.

Il fatto risale a domenica sera.  Il giovane avvicinatosi a due autotrasportatori del posto con atteggiamento prepotente e arrogante, intimava loro di “pagarlo”.

L’ingiusta richiesta assumeva chiaramente i contorni di un tentativo di estorsione anche perchè il giovane non aveva alcun tipo di rapporto lavorativo con i due uomini, pertanto era solo un tentativo di procurarsi un ingiusto profitto facendo valere il suo potere intimidatorio, nonostante la giovane età.

Le due vittime si sono chiaramente rifiutate di soddisfare la sua richiesta ed è a quel punto che dalle parole si è passati alle mani. Il giovane ha minacciato di morte i due uomini e poi li ha aggrediti provocando lesioni al voto ed agli arti ai due autotrasportatori che, nonostante fossero in due, sono dovuti ricorrere alle cure mediche. Dai sanitari sono stati giudicati guaribili in 5 e 10 giorni.

Dopo la colluttazione il giovane è fuggito. E’ stato facile per i militari dell’arma individuare il fuggiasco, perchè lo stesso era già stato arrestato nel maggio del 2012 perché ritenuto responsabile, in concorso con un’altra persona, di alcuni reati tra cui l’incendio di due auto di proprietà di uno dei due autotrasportatori minacciati ed aggrediti. Per quei fatti il giovane era sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora.

A seguito della denuncia da parte dei due autotrasportatori i carabinieri si sono messi sulle tracce dell’uomo e lo hanno rintracciato nei pressi della sua abitazione. Per lui si sono aperte le porte del carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche