Cronaca

Bimbo di un anno morto, l’ora della verità


E’ battaglia legale per la morte di un bimbo di solo un anno avvenuta all’alba di ieri nel reparto di pediatria del SS. Annunziata.  Nevio Enzo Maselli era giunto a Chiatona dalla Germania con i suoi genitori sabato sera.

Come ogni anno tornavano nella città dei nonni del papà dove avevano una villetta in riva al mare. Avrebbero voluto regalargli un’estate di sole, mare e divertimento. Invece… la tragedia.

Domenica mattina il bimbo ha cominciato a vomitare.

“Si è pensato subito ad una gastroenterite – ci raccontalo zio Cosimo – e così al bimbo sono stati somministrati degli integratori. La situazione sembrava migliorare tant’è che i genitori sono venuti a Massafra. Al rientro in macchina, però, è ricominciato il vomito”.

Lunedì i genitori hanno deciso di portare il bimbo in ospedale. “Una volta giunti nel reparto di pediatria – ricorda il parente – al bimbo sono state prescitte solo delle bustine e a discrezione dei genitori avrebbero potuto scegliere di ricoverarlo o meno”.

La situazione, insomma, non sembrava drammatica a tal punto da richiederne il ricovero. Erano circa le 21 quando il bimbo ha lasciato l’ospedale, ma due ore più tardi il vomito è ripreso. I genitori hanno quindi riportato il bambino al SS. Annunziata per un nuovo controllo. “Solo allora – insiste il parente – è stato detto che il bimbo era disidratato ed hanno cercato di fare una flebo, ma i vasi sanguigni erano così ristretti che non si riusciva a fare la flebo”.

E’ a quel punto che qualcosa è successo. All’alba c’è stato il decesso.  Oggi il medico legale cercherà di fare luce sulle cause della morte del piccolo. Disidratazione o cosa?

L’autopsia dovrebbe dare risposte alla domanda che i genitori ed i parenti disperati di Nevio in queste ore si stanno ponendo. Risposte che, certamente, non basteranno a riportare nei loro cuori la serenità esistente prima della tragica alba di ieri.

I funerali sanno celebrati in Germania dove la famiglia (assistita dall’avvocato Ignanzio Dragone) risiede ormani da diversi anni.
Ma quella di Nevio non è stata l’unica tragedia. Sulla spiaggia di Marechiaro a San Vito un uomo di 85 anni si è accasciato dopo un infarto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche