25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 16:22:59

Cronaca

Tariffe acqua, esposto in Procura a Taranto


Il Consigliere Regionale Antonio Martucci del gruppo dei Moderati e Popolari ha presentato un esposto presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Taranto «in cui vengono descritte le numerose criticità, i problemi e i disservizi segnalati dai cittadini in merito all’erogazione di acqua a cura del Consorzio Terre d’Apulia».

Nel documento di tre pagine viene richiesta all’Autorità Giudiziaria, «di effettuate le necessarie verifiche, di procedere all’accertamento di eventuali reati nei confronti di chiunque abbia posto in essere condotte illecite, sia nei confronti dei cittadini-utenti che nei confronti dell’Ente Regione Puglia».

La vicenda nasce dall’incontro (nella foto) nella Sala Consiliare di Palazzo Ducale di Martina Franca tra alcuni rappresentanti di comitati e singoli cittadini dei comuni di Noci, Santeramo, Gioia del Colle, Massafra e Mottola per la seconda conferenza pubblica sul tema dell’acqua. Un incontro aperto a tutti, cittadini e organi di informazione, per un aggiornamento su una questione che era partita da Martina Franca riscuotendo immediatamente l’interesse di numerosi cittadini dell’intera Regione Puglia.

«Alcuni cittadini – scrive nella nota il Consigliere regionale Martucci – avevano evidenziato il problema delle tariffe applicate dal Consorzio che porta le acque nel vasto territorio di dell’agro martinese. Un costo di 3 euro a mc a fronte di una tariffa di 0.50 euro applicate da Acquedotto Pugliese in città. Costi esagerati e ingiustificati anche per la manutenzione e nolo del contatore di sottrazione anche laddove non è dovuto. A tutto questo si aggiungono numerose altre anomalie riscontrate sulle bollette e anche nei servizi».

«Non resta quindi da percorrere che la strada legale – dice Martucci – tant’è che stiamo mettendo a disposizione un pool di legali a servizio dei costituendi comitati di cittadini per una azione di classe».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche