21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 19:30:12

Cronaca

Attentati ai politici, raffica di interrogatori


SAN GIORGIO – Attentato all’esponente del partito Fratelli d’Italia: interrogatori dei carabinieri. 

Gli investigatori in queste ore stanno convocando in caserma diverse persone che potrebbero fornire elementi alle indagini avviate per far luce sul pesante atto intimidatorio compiuto ai danni di Claudio Frascella.

I militari, diretti dal luogotenente Meleleo, stanno lavorando per accertare il movente dell’attentato incendiario ai danni dell’attivista politico di San Giorgio Jonico, al quale hanno incendiato la Mercedes. Indagini a tamburo battente per scoprire se alla base dell’attentato ci sia un movente legato alla politica. Indagini frenetiche anche a Lizzano, paese colpito da una serie impressionante di attentati ai danni di rappresentanti politici.

Continuano, infatti, senza sosta, i servizi di controllo attivati dai carabinieri del Comando provinciale.

Gli equipaggi provenienti dalle Compagnie di Manduria, Taranto, Martina Franca e Castellaneta, affiancati da dieci militari dell’11° Battaglione Carabinieri Puglia, vengono impiegati ogni notte insieme ai loro colleghi in borghese appartenenti al Nucleo Investigativo del Reparto Operativo Provinciale.

Nell’ultimo bilancio quindici perquisizioni, controlli carico di ventuno persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari e di sei alla sorveglianza speciale.

I carabinieri hanno controllato più di ottanta veicoli e identificato quasi cento persone. Scatta ogni giorno il dispositivo di controllo finalizzato ad intensificare l’attività di prevenzione e repressione dei reati nel versante orientale della provincia jonica.

Lizzano, quindi, continua ad essere blindato. Sono più di trenta i carabinieri che ogni giorno eseguono mirati controlli dopo l’escalation di attentati: fucilate contro i consiglieri comunali Morelli e Lecce, incendio della macchina del consigliere Donzello, danneggiamento della vetrina del negozio dell’ex vicesindaco Motolese e di un vigneto di proprietà del sindaco Macripò.

Indagini sono in corso anche per incastrare gli autori degli attentati compiuti ai danni di politici di Manduria, Carosino e San Giorgio Jonico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche