Cronaca

“Il Pd è senza soldi, niente festa ai Tamburi”


TARANTO, 22-11-2012 ELEZIONI PRIMARIE CENTRO SINISTRA NELLA FOTO COMITATO PD PRO BERSANI MASSIMO SERIO

TARANTO – «La festa regionale del Pd non si terrà ai Tamburi per diversi motivi. I più importanti? Non c’è nulla da festeggiare. E poi, non ci sono soldi».

Come suo costume, il segretario provinciale del Partito democratico, Massimo Serio, non usa fronzoli e va dritto al cuore del problema.
In città, ormai, si aspettava solo l’ufficialità: la Festa regionale del Pd si sarebbe dovuta tenere al quartiere Tamburi. Invece, nulla. «E’ vero, la festa non si farà. In primo luogo perché, da queste parti, non abbiamo niente da festeggiare – spiega il segretario Serio. E poi, inutile nasconderci dietro ad un dito, non abbiamo soldi. La Federazione tarantina, così come in altre parti d’Italia, non ha fondi per far fronte a spese di questo tipo».

Ad ogni modo, ci sarà spazio per dibattiti, con la classica “calata di big” in riva allo Ionio. «Invece della Festa regionale verranno qui a Taranto personalità ed esponenti del partito. Il Governo deve metterci la faccia e dire ai tarantini come si esce da questa crisi infinita. L’11 settembre ci sarà il sottosegretario Marco Rossi Doria. Abbiamo già preso contatti per ospitare i ministri Flavio Zanonato e Andrea Orlando. A chiudere la serie d’incontri ci dovrebbe essere anche il nostro segretario nazionale Guglielmo Epifani».

Difficile capire come mai alle spese organizzative della Festa regionale del partito avrebbe dovuto provvedere la base tarantina. «Anche nel 2009 – osserva Serio – quando a Taranto ci fu la festa nazionale del Pd, a farsene carico fu la nostra Federazione». Ma come mai il partito non ha soldi? «Molto semplice – spiega il segretario – a livello nazionale il Pd è sovvenzionato dai parlamentari, a livello regionale dovrebbero essere i consiglieri regionali ad intervenire, ma mi risulta che molti non lo facciano». E a Taranto cosa avviene? La risposta data dal segretario non si lascia attendere. «I consiglieri provinciali non hanno mai versato un euro. Personalmente metto dei soldi anche se non ho mai preso uno stipendio dal partito. In queste condizioni è difficile andare avanti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche