Cronaca

Fiamme e paura nell’uliveto


Paura e fiamme , ieri, in località Urmo Belsito, la confine tra i territori di Manduria e Avetrana. Un vasto incendio alimentato dal vento ha distrutto otto ettari di macchia mediterranea e sterpaglia minacciando anche un uliveto. Il rogo ha impegnato per diverse ore i vigili del fuoco, gli agenti del Corpo forestale dello Stato e la squadra della protezione civile di Manduria.

Nelle stesse ore un altro vasto incendio è divampato in un canneto di Gandoli. Sul posto vigili del fuoco e volontari per domare le fiamme che stavano per lambire le abitazioni. Purtroppo l’estate come sempre gli incendi flagellano la Puglia e la provincia jonica è una delle più colpite.

Per l’intervento dei mezzi aerei l’aeroporto militare di Gottaglie è uno dei due presidi più importanti. Quest’estate il primo incendio che ha provocato allarme è scoppiato nella Marina di Lizzano. Anche in quella circoistanza le fiamme hanno lambito alcune abitazioni: un automobilista è stato salvato appena in tempo dai carabinieri poiché la sua vettura si era insabbiata ed era avvolta tra le fiamme.

Qualche giorno prima nei pressi di Ginosa Marina, un incendio boschivo aveva interessato anche una zona militare. Oltre che ad alcune abitazioni, le fiamme vevano lambito i binari della ferrovia costringendo a una sospensione temporanea dei collegamenti ferroviari. Dopo un anno negativo come quella del del 2012 all’inizio dell’estate è stata espressa una certa preoccupazione per per gli effetti della spending review che ha portato a una dislocazione dei canadair che penalizza la Puglia.

La campagna antincendi boschivi è iniziata ufficialmente il 15 giugno e con un decreto del Presidente della Giunta Regionale la Regione Puglia ha dichiarato lo stato di grave pericolosità per gli incendi nelle aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo del territorio dal 15 giugno al 15 settembre. Secondo quanto prevede la legge, chiunque avvista un incendio che interessi o minacci aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo, comprese eventuali strutture e infrastrutture antropizzate poste all’interno delle stesse aree, è tenuto a darne immediata comunicazione alle autorità competenti: 1515 del Corpo Forestale dello Stato e 115 n dei Vigili del Fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche