21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 19:30:12

Cronaca

Sommersi da un mare… di rifiuti


Era fine maggio quando scrivevamo e pubblicavamo l’immagine di una discarica a cielo aperto, a San Vito. Sono passati tre mesi e quei rifiuti sono ancora lì, a due passi dal mare, in via Lido Bruno.

Un ricettacolo di rifiuti contornati da un brulicare di insetti d’ogni tipo. Siamo a San Vito, a due passi dalla spiaggia, accanto a una proprietà della Marina Militare. Quello che doveva essere un punto di verde, vicino al lido Sun Bay e accanto ad un residence piuttosto frequentato, si è trasformato in una autentica discarica a cielo aperto. Dalla plastica ai cartoni, passando per sacchetti di rifiuti e sterpaglia.

E’ uno di quei casi in cui le immagini contano più delle parole. Nessuna traccia di operatori ecologici che sembrano aver dimenticato quella zona della città. Eppure è una parte frequentatissima, non solo d’estate.

A San Vito quei rifiuti, lì come in altri punti del quartiere, giacciono da mesi! Da quando é stata predisposta la raccolta differenziata porta a porta, alcuni residenti, evidentemente privi di senso civico, continuano ad abbandonare i rifiuti, di ogni genere, dove prima c’erano i cassonetti.
Una dura prova per lo sguardo di chi passa, ma anche per l’olfatto. Disagi che aumentano con temperature elevate che contribuiscono, incolpevoli, al disastro.

Ma, quel che è peggio, non è l’unica “cartolina dal degrado” scattata in città.

E’ l’ennesimo caso. L’ennesimo appello che attende una risposta, e un intervento da parte di chi ha il compito di tutelare i tarantini. Anche e soprattutto quelli che hanno la sfortuna di dover convivere anche con chi inquina deturpando l’ambiente, e restando impunito.

Diverse le segnalazione che sono giunte durante l’estate alla redazione di Taranto Buonasera da parte dei residenti, ma anche di turisti che non hanno potuto restare indifferenti agli scenari che solo le nostre coste possono regalare… parliamo del mare cristallino, ma purtroppo anche del degrado e della sporcizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche