24 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2021 alle 10:28:00

La sede della Questura
La sede della Questura

E’ stato centrato da un colpo di pistola ad un rene. C.T. cinquantunenne originario di San Giorgio Jonico, è stato ferito mercoledì sera nella borgata di Talsano. L’uomo è stato condotto all’ospedale SS. Annunziata dove è stato sottoposto ad un intervento chirugico. E’ attualmente ricoverato con riserva di prognosi. Sul ferimento ora stanno indagando i poliziotti della Squadra Mobile. Gli investigatori stanno ascoltando persone che potrebbero fornire elementi utili alle indagini avviate per dare un nome e un volto a chi ha premuto il grilletto e per accertare il movente.

Gli agenti in borghese della Questura vogliono appurare se il 51enne fosse solo o in compagnia nel momento del ferimento. Al momento un episodio che ha punti oscuri. Risolto invece il ferimento a colpi di pistola in avvenuto venerdì in via Dante. La Polizia di Stato ha arrestato Luigi Pavone , 41 anni, il quale proprio ieri mattina, assistito dall’avvocato Giuseppe Sernia, è stato interrogato dal gip. L’uomo che ha ammesso del sue responsabilità rimane agli arresti domiciliari. Intorno alle 13 di venerdì scorso gli agenti della Squadra Mobile si eranmo recato al pronto soccorso dell’ospedale SS. Annunziata perché i olo colleghi del Posto fisso di Polizia pravevano segnalato l’arrivo di un 29enne ferito alla gamba sinistra da un colpo d’arma da fuoco.

La vittima, dopo un’iniziale reticenza, aveva dichiarato di essere stata colpita da un proiettile vagante, esploso da un’auto in corso Italia mentre era fermo sul marciapiede.Dichiarazioni che sin da subito non avevano convinto gli investigatori i quali, nel corso di rapidissime indagini, avevano indirizzato i loro sospetti su Luigi Pavone L’immediata perquisizione in casa del sospettato aveva dato gli effetti sperati con il rinveniumento ed il successivo sequestro della pistola usata per il ferimento, una “Smith & Wesson” calibro 38 special con matricola limata e con quattro colpi nel tamburo.Messo davanti a indizi di colpevolezza il 41enne aveva ammesso le sue responsabilità. L’autore del ferimento, con i pregiudizi penali a suo carico, era stato accompagnato negli uffici di via Palatucci e arrestato con le accuse di lesioni pluriaggravate, detenzione e porto illegale di arma da fuoco e ricettazione.Alla base del ferimento vecchi rancori personali fra i due. Il ferito, anch’egli già noto alle forze e attualmente affidato in prova al servizio sociale, è stato dimesso dall’ospedale con una prognosi di sei giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche