16 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Giugno 2021 alle 07:01:57

Cronaca

Fiamme a Cimino ma l’acqua non c’è


Scoppia un incendio nel parco Cimino e i danni vengono limitati grazie all’allarme lanciato da un rappresentante delle forze dell’ordine e da un suo collega della marina militare che stavano facendo jogging. 

Le fiamme sono divampate intorno alle 14.30 di ieri tra le sterpaglie e a causa del vento si stavano propagando pericolosamente agli alberi e allo steccato in legno situato nella zona. I due hanno tentato di spegnere l’incendio utilizzando gli idranti installati nel parco ma si sono subito accorti che non c’era acqua.

Hanno chiamato i vigili del fuoco i quali sono intervenuti insieme agli agenti del Corpo Forestale dello Stato. L’incendio è stato subito circoscritto e l’allarme è rientrato grazie al senso civico ma anche al senso del dovere dei due podisti che prima hanno tentato di domarlo con idranti che in realtà non funzionavano e poi hanno avvisato la centrale operativa dei vigili del fuoco.

“Non sappiano se nel polmone verde della città, nel parco più importante di Taranto, ci sia un custode – ha dichiarato a Taranto Buonasera uno dei due podisti che si trovavano ieri pomeriggio nel parco – con l’aiuto del mio collega ho aperto il cancello per far entrare i vigili del fuoco e gli agenti del Corpo Forestale”.

“Si è rischiato grosso nel parco Cimino e non si riesce a capire come mai per un’area verde così importante per la città non ci sia un sistema antincendio che funzioni- ha proseguito- basterebbe collegare una idrovora al vicino mar Piccolo per risolvere il problema”.

Un episodio davvero inquietante che ieri pomeriggio ha fatto emergere il punto debole del parco Cimino riguardo al rischio incendi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche