26 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 26 Novembre 2020 alle 06:40:39

Cronaca

Rilancio del turismo in terra jonica, “Carosino non può mancare”

Intervento di Grande Sud in vista dell'incontro di Grottaglie


TARANTO – “Invitiamo a unire le forze per condividere una battaglia di idee che porterebbe nuova linfa economica e un rilancio del turismo per la terra ionica”.

Così si esprime Gaetano Cuscela, coordinatore cittadino del “Grande Sud” di Carosino che in vista dell’incontro fissato per giovedì 12 settembre con l’assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Giannini sul futuro dell’aeroporto “Marcello Arlotta” invita ad aprire il dibattito anche alla sua città.

“L’assessore sarà a Grottaglie – dice – per discutere delle prospettive e dei programmi per l’aeroporto. Grande Sud che mi onoro di rappresentare è sempre stata promotrice di battaglie e pressioni per l’apertura dei voli civili dello scalo aeroportuale ionico, pertanto come circolo di Carosino crediamo e speriamo che al dibattito sia invitato il commissario prefettizio del Comune di Carosino, Malgari Trematerra. Farebbe bene il primo cittadino di Grottaglie, Ciro Alabrese a non chiudersi a riccio, come ha fatto in altre occasioni, ma invece tenesse conto della vicinanza territoriale di Carosino dallo scalo aeroportuale. La favola del baricentrismo vendoliano, soprattutto nel comparto degli investimenti infrastrutturali, deve finire. Aeroporti di Puglia ci spieghi cosa intende fare dell’aeroporto Arlotta”.

Lancia, inoltre, un monito ai parlamentari ed ai consiglieri regionali jonici: “Una volta per tutte battino i pugni per lo sviluppo diretto e d’indotto che l’apertura dell’Arlotta porterebbe alla provincia di Taranto. Un confronto serrato va anche fatto con le associazioni di categoria, la Confindustria e la Camera di Commercio” il cui presidente Luigi Sportelli, il 19 agosto scorso, ha preso carta e penna ed ha scritto all’assessore Giannini ed al presidente della Commissione Trasporti della Puglia, Donato Pentassuglia per meglio valutare la possibilità di un utilizzo per il traffico passeggeri dell’aeroporto Arlotta, attraverso l’attivazione di voli charter e di linea, nel redigendo piano dei trasporti 2014/2020 “superando i limiti imposti allo scalo finora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche