18 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Giugno 2021 alle 17:16:45

Cronaca

Corsie riservate ai mezzi pubblici, 300 multe al giorno

Automobilisti pizzicati dalle telecamere-trappola installate in corso Umberto, via Garibaldi e corso Vittorio Emanuele


Trecento violazioni al giorno. Questi i dati allarmanti snocciolati dalla Polizia locale in riferimento alle multe effettuate ai danni dei veicoli che circolano sulle corsie dei bus.

Sei i rilevatori posizionati in tre punti strategici della città: corso Umberto, via Garibaldi e corso Vittorio Emanuele (ringhiera). E’ proprio in queste arterie della città che si concentra il traffico veicolare. “Oggi siamo nella condizione di poter dare dati più certi relativamente alle infrazioni commesse sulle corsie riservate ai mezzi d’emergenze ed agli autobus – spiega il capitano della Polizia locale di Taranto Fernando Calò.


A distanza di un mese dall’attivazione del sistema, abbiamo messo a fuoco l’attività di rilevazione, che fino a ieri funzionava a singhiozzo, riscontrando dei dati a mio parere sorprendenti: in media ci sono trecento violazioni al giorno. Un dato che sembra inverosimile, anche alla luce della pubblicità finora fatta. Abbiamo installato cartelli, scritte e cordoli, per spingere gli automobilisti a rispettare le regole, ma nulla. Ci ritroviamo al cospetto di ben trecento multe al giorno”.

Comprensibile lo sconforto del capitano dei vigili anche se, non di rado, ai tarantini capita di restare imbottigliati nel traffico su arterie a più corsie che, improvvisamente, si trasformano in un budello per la presenza di cordoli a destra, e macchine in doppia fila a sinistra.

“Pensavamo che i tarantini avessero tutti gli strumenti utili ad imparare il rispetto delle regole ma, almeno per il momento, non è stato così”.

La sanzione, per gli automobilisti che percorrono una delle corsie videosorvegliate della città, ammonta a 80 euro. Ad ogni modo, il capitano Calò ci va con i piedi di piombo, visto che le violazioni riscontrate finora dovranno passare ai raggi X al momento della notifica.

“Il lavoro che ha preceduto l’entrata in funzione di questo sistema ci ha consentito di inserire nel database tutte le targhe dei veicoli che sono autorizzati a transitare sulle corsie dei bus. Mi riferisco ad ambulanze, autobus, mezzi delle forze dell’ordine, taxi, ed auto in uso alle Istituzioni. Le corsie d’emergenza sono aperte anche ai disabili, per questo lancio un appello a tutti i tarantini interessati affinché ci comunichino le targhe dei veicoli intestati ai disabili. Si tratta di una operazione che servirà a rendere ancora più efficiente il nostro sistema di rilevazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche