19 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Giugno 2021 alle 18:23:13

Cronaca

Neanche il vento ferma i nuotatori che traineranno la motonave Lady Luna

Cambia il punto di partenza, ma il progetto ambientalista va avanti. Appuntamento oggi alle 16,40


La traversata dei nuotatori che traineranno la motonave Lady Luna con un carico di oltre 100 persone (prevista per oggi pomeriggio, domenica 22 settembre) è confermata.

Tuttavia, lo staff organizzativo avrebbe deciso di cambiare il punto di partenza, concordato con le autorità marittime  che non sarà più nella rada di Mar Grande, come previsto inizialmente, ma nel Mar Piccolo di Taranto. L'arrivo, invece,  rimane invariato presso il Canale Navigabile (Rampa Leonardo da Vinci). Lo rende noto un comunicato diffuso dagli organizzatori.

L'intera manifestazione sarà, pertanto, facilmente visibile affacciandosi dal Canale Navigabile, tra Corso due Mari e Via Roma (davanti Hotel Europa). Una volta fatti salire a bordo tutti i passeggeri (ore 15.30) presso il Molo Turistico Santo Eligio,  la motonave Lady Luna si sposterà a motori in marcia verso il mar Piccolo dove si posizionerà ad un paio di km dal Ponte Girevole. Lo stop dei motori ed il tuffo dei nuotatori è previsto intorno alle ore 16.40 e sarà segnalato con 2 razzi a paracadute.

L'arrivo presso la Rampa Leonardo  da Vinci è prevista tra le ore 17,30 – 18.30 (dipenderà molto dalle correnti e dai venti che, purtroppo, potrebbero mettere a rischio la riuscita della traversata). Non ci saranno, tuttavia, rischi per i passeggeri che saranno al sicuro sulla grossa e solida imbarcazione Lady Luna. Oltre alle numerose imbarcazioni di supporto,  vi saranno anche le motovedette dei Carabinieri, Polizia e Guardia Costiera.

«La motonave Lady Luna, di proprietà dei Cantieri Navali Greco – sottolinea Fabio Fabio Matacchiera, presidente Fondo Antidiossina Taranto -, ha una lunghezza di 25 metri ed un peso complessivo di oltre 26 tonnellate (compresi i passeggeri ed equipaggio). I nuotatori, che non saranno più di 4, non utilizzeranno le pinne e useranno delle imbragature speciali assicurate alla prua per trainarla e per condurla al traguardo. Questa performance potrebbe rappresentare un record da “guinness dei primati”  poiché, come già detto, non ci risulta che un simile tentativo sia mai stato effettuato in precedenza. Tuttavia, il vero scopo di questa insolita performance è focalizzare ancora una volta  l'attenzione  su una situazione ambientale e sanitaria della città di Taranto che è diventata insostenibile a causa del pressante inquinamento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche