Cronaca

Acciaio, il giorno del decreto. La decisione del Governo

L’annuncio del ministro Zanonato per sbloccare il caso Riva. Per il custode Mario Tagarelli è stato un week-end di lavoro


Il ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato, a Parma per partecipare a un covegno sul Decreto del fare 2, ha annunciato che nel pomeriggio sarà varato il decreto acciaio per l'Ilva. "Questo pomeriggio c'è un appuntamento molto importante in Consiglio dei ministri a Roma: approveremo il decreto sulla Riva Acciaio. Sblocchiamo la situazione: con questa misura chi ha sequestrato l'azienda ha anche l'obbligo di farla funzionare. Non viene compromessa l'azione giudiziaria, che seguirà il suo iter, ma il cavallo deve essere alimentato, non può essere lasciato morir di fame" ha detto il ministro sottolineneando la necessità di continuare la produzione per quelle aziende, come quelle del gruppo Riva, oggetto di sequestro di beni produttivi.


"Questo – ha aggiunto – è prima di tutto un provvedimento utile per i lavoratori che operano negli stabilimenti ma anche per i fornitori, ma è alla fine un'azione a tutela di tutti, anche dei proprietari perché non serve a nessuno un'azienda morta".

Zanonato, in riferimento alla tenuta del Governo Letta, ha commentato: "L'esecutivo credo che dovrebbe durare almeno altri sei mesi in tempo il semestre italiano di presidenza Ue".

E’ stato un week-end di lavoro, in ogni caso, quello che ha visto protagonista il custode giudiziario Mario Tagarelli.

Anche se alla luce di quanto verrà deciso dal governo, anche l’istanza che il gruppo Riva avrebbe dovuto presentare potrebbe essere superata dagli eventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche