24 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Giugno 2021 alle 20:01:57

Cronaca

Puntano un coltello alla gola del bigliettaio, rapina in Stazione

A Statte i malviventi si sono fatti consegnare soldi e un pc


STATTE – Rapinatori in azione nella biglietteria della stazione. E’ accaduto stamattina dopo le 5.

Due malviventi che indossavano un cappellino con visiera hanno fatto irruzione  nei locali della biglietteria ed hanno minacciato un addetto.

Uno dei malfattori ha tirato fuori un coltello e lo ha puntato contro la vittima facendosi consegnare venti euro e un computer portatile.


Dopo aver arraffato il magro bottino sono fuggiti mentre il bigliettaio ha dato l’allarme.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri  della locale caserma diretti dal maresciallo Francesco Malzone.

Nelle  settimane scorse i carabinieri  presero gli autori di sei rapine messe a segno in poco più di due ore nella provincia jonica : stessa banda, stessa auto, stesse armi, stessa feroce determinazione. Riuscendo a mettere insieme un bottino di oltre 2000 euro, tre rapinatori  avevano messo a ferro e fuoco la provincia jonica, in particolare Grottaglie, Taranto e Sava.

Sotto attacco erano finiti supermercati, stazioni di servizio, farmacie e non solo. In ogni azione i banditi, freddi e risoluti, oltre all’incasso dei vari esercizi commerciali, avevano “ripulito” i clienti di portafogli, borse e monili. In azione, per tutti e sei gli episodi, è entrato lo stesso commando composto da tre giovanissimi armati di pistole e fucile a canne mozze. A bordo di una Fiat Uno verde, risultata poi rubata a Francavilla Fontana. Il primo colpo registrato dal 112 dei Carabinieri di Taranto, tentato ma non andato a segno, era stato quello della stazione di servizio alle porte di Grottaglie. Tre rapinatori, in si erano presentati dinanzi ai gestori, due fratelli e, mentre uno rimaneva in macchina con il motore acceso pronto per la fuga, gli altri due, con pistola e fucile a canne mozze, hanno affrontato i malcapitati che però erano riusciti a metterli in fuga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche