22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 20:15:26

Cronaca

Bradano e Lato. Torna l’incubo lungo i margini dei due fiumi

Solo due anni fa era stata Marina di Ginosa a subire le conseguenze più pesanti dell'esondazione


Si torna a tremare lungo i margini dei fiumi. Il Bradano ed il Lato hanno rotto gli argini con il nubifragio di ieri.

Due anni fa era toccato alla Marina di Ginosa vivere la tragedia. L’1 marzo del 2011, in piena notte i residenti sono dovuti salire sui tetti per evitare di rimanere intrappolati nelle case.


Furono giorni di paura i cui segni, in alcune zone, sono ancora evidenti, ma ancora di più restano nel ricordo di quanti vissero quella tragedia e che oggi, si ritrovano a ripercorrere quei momenti difficili, mentre restano ancora in attesa dei fondi per il risarcimento dei danni. Oltre due milioni di euro che restano bloccati in Regione.

L’esondazione del Bradano ha provocato una vittima a Ginosa e si cercano altri tre dispersi. L’acqua del fiume Lato, invece, stamattina, ha inondato la strada provinciale 14 ed i campi del Comune di Palagianello.

Ma la pioggia ha provocato gravi disagi alla circolazione anche nella zona di Castellaneta. Le strade maggiormente colpite sono le provinciali 12, 13 e 15 per Castellaneta Marina e le strade comunali di contrada Gaudella dove agenti e mezzi sono ancora al lavoro per rimuovere il fango.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche