16 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Giugno 2021 alle 10:30:59

Cronaca

Prove di attentato. Molotov contro una macchina in centro

Un modus operandi che ricorda quello dei piromani che qualche anno fa bruciarono decine di auto


Lanciano una bottiglia incendiaria contro una macchina, poi fuggono.

E’ accaduto la notte scorsa in una via del centro cittadino. Scatta subito l’allarme e sul posto intervengono i vigili del fuoco del comando provinciale che provvedono a domare un rogo che avrebbe  potuto provocare altri danni. Arrivano anche gli agenti della polizia i quali avviano le indagini per risalire agli autori dell’atto criminoso che è stato compiuto con un modus operandi che ricorda quello dei piromani che negli anni scorsi hanno bruciato decine di macchine nelle vie del capoluogo.


Potrebbe esserci un   testimone che ha visto fuggire chi ha partecipato all’inquietante incursione.Ora sarà compito degli investigatori della Questura incastrare gli  autori dell’attentato.  Non è escluso che vengano passati al setaccio i sistemi di videosorveglianza della zona che potrebbero aver ripreso il passaggio degli autori del raid incendiario.  Sempre la scorsa notte un’altra macchina è stata data alle fiamme in una via del centro cittadino. Sul posto, appena è arrivata la telefonata alla centrale operativa dei vigili del fuoco sono intervenuti i pompieri e la polizia. I vigili hanno accertato l’incendio doloso e allora gli agenti della questura hanno avviato le indagini per risalire agli autori.

Dopo i due casi della notte scorsa (uno in via Giusti e l’altro in via Georgiche) non si ferma l’allarme che riguarda gli incendi di macchine  soprattutto nel capoluogo jonico e a Grottaglie. Le forze dell’ordine stanno lavorando per scoprire se gli incendi siano legati al un gesto di piromani o se abbiano alla base delle ritorsioni scattate nei confronti di persone  con le quali hanno avuto contrasti. Da mesi, purtroppo,  ci sono automobilisti che temono di parcheggiare le loro macchine per strada. Troppi gli incendi di auto che si registrano tra il capoluogo e la città delle ceramiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche