22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 07:26:25

Cronaca

Chiedevano il pizzo alle lucciole. Nella rete tre bulgari

L'accusa è di tentata estorsione ai danni di due prostitute


MOTTOLA – Tentata estorsione ai danni di due prostitute connazionali. Nei giorni scorsi, i carabinieri della Stazione di Mottola unitamente ai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Massafra hanno arrestato tre cittadini bulgari.


I tre, due uomini di 28 e 32 anni ed una donna 25enne, già martedì scorso, avevano perpetrato una rapina ai danni delle due ragazze connazionali, che si prostituivano lungo la statale 100 Taranto – Bari. Nella circostanza, i malviventi avevano malmenato le giovani, strattonandole e schiaffeggiandole, asportando loro la somma complessiva di 180 euro.

In particolare, le vittime avevano precisato ai carabinieri che i tre in questione erano gli stessi malfattori che da circa 7 mesi le costringevano a prostituirsi e pertanto pretendevano di riscuotere i loro guadagni.

Il giorno successivo è scattata la trappola dei militari ed i tre sono stati individuati e fermati nelle vicinanze. I malviventi sono stati arrestati e condotti presso il carcere di Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche