21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 19:30:12

Cronaca

Aggredito e rapinato il giocatore del Taranto, Luis Carloto

Lite nel parcheggio di un centro commerciale. Padre e figlio sono in stato di fermo


In due, padre e figlio, lo avrebbero aggredito per motivi di viabilità, per un parcheggio all’interno dell’area dell’ipermercato Auchan. Quindi, dopo averlo riconosciuto, hanno rovistato nella sua auto per poi ‘accontentarsi’ dell’orologio. Una mattinata di paura, per il centrocampista rossoblù Luis Carloto.


I due aggressori, incensurati, sono in stato di fermo da parte dei carabinieri della compagnia di Taranto.

Il calcio rossoblù è ovviamente sotto choc per quanto accaduto. La società ha diffuso una nota ufficiale. “Il Taranto FC 1927 comunica che il proprio tesserato Luis Eduardo Carloto, nelle scorse ore, è stato vittima di un’ aggressione da alcuni sconosciuti.

Secondo fonti attendibili l’evento non è riconducibile al tifo organizzato. Il giocatore è stato trasportato per accertamenti presso l’ospedale Moscati ed è accompagnato dal dg Domenico Pellegrini e il medico sociale Guido Petrocelli. Il club ionico e il presidente Fabrizio Nardoni condannano il vile gesto prendendo le distanze da ogni forma di violenza e rimanendo accanto al giocatore. Al momento sono in corso le indagini dei Carabinieri”.

Indagini che hanno portato immediatamente alla svolta, con il fermo di padre e figlio che, come detto, non hanno precedenti penali. La vicenda ha avuto, e sta avendo, enorme clamore.

Non solo perchè l’aggredito è un noto calciatore, ma anche per le modalità dell’episodio, nato – pare – da un motivo banalissimo qual è un battibecco per un parcheggio.

Ad ogni buon conto, i militari stanno proseguendo le indagini. La contestazione per i due fermati risulta essere, al momento, quella di rapina impropria. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche