Cronaca

Beccato con la droga, tenta di corrompere i carabinieri

Estrae 50 euro e dice: "Ci accomodiamo?". Si, ma ai domiciliari


Scoperto con 7 dosi di cocaina addosso ha tentato di corrompere i carabinieri che lo avevano perquisito estraendo una banconota da 50 euro, aggiungendo: "ci accomodiamo?". E viene puntualmente arrestato.

E' accaduto a Palagiano, dove i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Massafra hanno arrestato un 30enne di Martina Franca, incensurato (per questa ragione non sono state rese note le sue generalità), per il reato di istigazione alla corruzione, denunciandolo contestualmente anche per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, nel corso di un normale servizio di Pattuglia lungo al S.S. 106 Jonica, in agro di Palagiano, hanno controllato l'auto dell’uomo che stava percorrendo quella strada. Insospettiti dall’atteggiamento del giovane, lo hanno sottoposto a perquisizione, rinvenendo 2 grammi circa di cocaina, suddivisa in 7 dosi.

A questo punto, il giovane nel tentativo di corrompere i Carabinieri, affinché non procedessero per il reato di detenzione ai fini di spaccio ha estratto dalla tasca una mazzetta di banconote e, dopo aver estratto un biglietto da 50 euro, lo offriva ai militari proferendo la testuale frase: “ci accomodiamo?”. 

A questo punto, sono scattate immediatamente le manette ai polsi dell'uomo, per il reato di istigazione alla corruzione. Il giovane dovrà naturalmente rispondere anche del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Dopo le formalità di rito, gli sono stati concessi gli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche