Cronaca

Assennato attacca: Nessuna fiducia nella Procura di Taranto

La reazione del responsabile dell'Agenzia Regionale per l'Ambiente


“Io vivo una crisi d’identità, un po’ eroe un po’ verme… ma se fossi verme, e mi fossi venduto per la conferma dell’incarico, come mai la gip Todisco ha nominato custodi tre strettissimi collaboratori di Arpa Puglia?”; “farmi interrogare a Taranto? No. Nessuna fiducia in quella magistratura inquirente”.

Parole pesanti, quelle pronunciate dal prof. Giorgio Assennato in una intervista a Sky Tg24. 


Il riferimento è ovviamente alla conferma di Assennato al timone dell’agenzia per l’Ambiente, figlia – secondo i pm di Taranto – di un ammorbidimento del professore nei confronti dell’Ilva, come imposto dal presidente della Regione Nichi Vendola, indagato per concussione.

Assennato risponde invece di favoreggiamento, perchè avrebbe negato quelle pressioni, favorendo appunto l’attuale governatore pugliese.

Uno degli aspetti-chiave dell’inchiesta, che coinvolge 50 indagati e tre società, Ilva, Riva Group e Riva Forni Elettrici. Da lunedì le difese avranno accesso agli atti, e scatteranno i 20 giorni a disposizione degli inquisiti per presentare memorie difensive o farsi interrogare, come ha annunciato di voler fare lo stesso Vendola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche