27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 18:04:17

Cronaca

Allarme al Borgo, in ostaggio di ladri e vandali

Furto in pieno giorno in una lavanderia: via con 600 euro e due borse


Negozi imbrattati e svaligiati, posteggiatori abusivi all’opera in tutte le ore, anche quando sono in funzione, negli orari stabiliti, i parcometri. Abusivi, accattoni e chi più ne ha ne metta. Al Borgo, ma non solo, il degrado e la microcriminalità imperversano, e adesso c’è chi ha paura.

L’ultimo campanello d’allarme viene da via De Cesare. In pieno giorno vandali e ladri , tra le 14 e le 15 di sabato scorso, sono entrati in azione imbrattando il ristorante-pizzeria “Giando” e mettendo a segno un furto nell’attigua lavanderia di Maria Basile al civico 66.


La donna, come denunciato in questura, ha lasciato il negozio alle 13.30 per andare a casa. La sua abitazione si trova al primo piano dello stesso stabile in cui si trova il negozio pur avendo accessi diversi tanto che al negozio si può entrare anche dall’interno scale di via Anfiteatro. “Alle 17 – ha raccontato la donna –  è scesa mia figlia che ha utilizzato l’ingresso interno e si è accorta che la porta di ingresso di via De Cesare era aperta. Pertanto sono scesa anch’io ed ho avuto conferma dell’avvenuto furto. Hanno portato via dal cassetto della scrivania, che uso come cassa, 600 euro (una banconota da 100 e 10 da cinquanta).

Mi ricordo bene che erano i soldi che avevo messo da parte per pagare l’affitto. Inoltre hanno asportato anche due portafogli presenti nella mia borsa che avevo lasciato sull’asse da stiro”. Indagini sono in corso, si spera nell’ausilio della telecamera di sorveglianza in funzione nell’attiguo ristorante “Giando” imbrattato (per la seconda volta) da bombolette spry di colore blù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche