20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

Cronaca

Cocaina, davanti ai giudici gli indagati restano in silenzio

Stamattina sono stati ascoltati dal gip i sette condotti in carcere. Martedì prossimo toccherà agli altri indagati finiti ai domiciliari


LIZZANO – Giro di cocaina: hanno fatto scena muta i primi dei sette indagati interrogati dal gip, nel carcere di largo Magli.

Stamattina al via gli interrogatori di Giuseppe Panariti, che è ritenuto l’elemento di spicco del gruppo, di Valerio Saverio Cavallo, Antonio Marino, Francesco Saracino e Maurizio Schirano, del sangiorgese Girolamo Chiochia e del carosinese Luca Oliva.

Martedì prossimo, invece toccherà  alle sette persone finite agli arresti domiciliari tra le quali le lizzanesi Giuseppina Cannarile e Rossella Peluso. Il collegio di difesa è composto dagli avvocati Angelo Masini, Salvatore Maggio, Luigi Danucci e Pasquale Corigliano.


Quattordici gli arrestati dalla polizia nel blitz “Uccellino bianco” che ha consentito di fare piena luce su un giro di cocaina tra Lizzano, Pulsano, San Giorgio e Carosino.  La droga veniva confezionata in un’abitazione e poi spacciata nei pressi di un bar.  Il via alle indagini nel febbraio del 2012. Sette mesi di intercettazioni telefoniche e di servizi di appostamento e di pedinamento degli investigatori della Squadra Mobile. Elemento di primo piano Giuseppe Panariti detto “Peppo la ricottina” che secondo l’accusa ha potuto contare sulla piena collaborazione della convivente Giuseppina Cannarile, del fratello Gaetano e di una coppia di insospettabili, Antonio Marino e la moglie Rossella Peluso, Marito e moglie  avrebbero custodito nella propria abitazione la cocaina destinata allo spaccio.

Nel corso delle indagini sono stati identificati oltre un centinaio di acquirenti. A  fine giugno del 2012 fu arrestato Antonio Marino e all’interno del suo appartamento la polizia rinvenne   cocaina, una pistola 9×21, marca Beretta, con  matricola limata, munizioni, un passamontagna e guanti in lattice .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche